Hai mai mentito sui libri che hai letto?

Secondo un recente sondaggio più del 60% delle persone mente sui libri che ha letto, ce lo dice un articolo pubblicato il 6 settembre 2013 su The Atlantic Wire

1984_2_george_orwellA quanto pare il libro su cui si mente di più è 1984 di George Orwell, almeno da quello che ha confessato il 26% dei britannici intervistati. Pare, poi, che si menta sempre sugli stessi titoli, ovvero i grandi classici, perchè forse ci si vergogna di non averli letti realmente. Una cosa certa è, comunque, che la sincerità sulle proprie letture non è poi così scontata come si pensava. Altre opere molto celebri che vengono spacciate molto spesso come lette sono, in ordine sparso: Orgoglio e pregiudizio, Cime tempestose, Jane Eyre, Guerra e Pace, Delitto e Castigo, Molloy o Finnegans Wake. Questi i titoli che appaiono più spesso in cima ai sondaggi; i più citati dagli intervistati, insomma.

Ma perchè siamo portati a dire bugie in quest’ambito? 

Forse per sembrare più intelligenti o colti, perchè, certo, dire di aver letto Ulysses di Joyce o I fratelli Karamazov di Dostoevskij impressiona sempre eventuali interlocutori. Ma cosa fa tanta gente per dare quest’impressione? Non è semplice mentire e poi essere totalmente all’oscuro dell’argomento, quindi ci si va a cercare un bel riassunto online o una recensione, oppure ci si guarda la rispettiva trasposizione cinematografica. E in qualche caso può scapparci l’errorino perchè raramente un film è fedele al 100% dal libro da cui è tratto. Poi se il libro ve lo assegnano da leggere a scuola e dovete farci una verifica finale, fate molta attenzione, non vi servirà a niente aver visto il film o esservi letti il riassuntino!
Un altro motivo di queste menzogne può essere che si mente perchè tutti mentono. Shalom Auslander, autore di Hope: a Tragedy, sostiene che siccome tutti parlano di alcuni libri, definendoli stupendi, senza probabilmente averli letti, allora diciamo anche noi di averli portati a termine, definendoli stupendi. Ovviamente non bisogna fare di tutta l’erba un fascio perchè c’è chi davvero ha letto o legge i grandi romanzi.
Un’altra teoria, stavolta di Elizabeth Menkel, è quella secondo cui la lettura di libri particolarmente voluminosi viene intesa come una sfida con se stessi, quindi ci sono libroni che dobbiamo portare a termine per una sorta di missione e altri, magari più piccoli e meno importanti, che non finiamo e, siccome non c’interessano particolarmente, liquidiamo dicendo di averli finiti. Questo succede perchè quasi sempre si è potati a giudicare una persona partendo dai libri che legge e ha letto. La Menkel prosegue dichiarando che:

Good books, no matter what their length, should suck you in and change the way you read, momentarily or, in the very best cases, permanently.

I buoni libri, indipendentemente dalla loro lunghezza, dovrebbero risucchiarti, coinvolgerti completamente e cambiare il modo in cui leggi, momentaneamente o, nel migliore dei casi, per sempre.

[Traduzione (libera) mia]

Parafrasando il concetto appena espresso: leggete quello che amate e amate quello che leggete. Se dobbiamo mettere mano ad un libro solo per competizione con noi stessi, è meglio non farlo, sarebbe una lettura vana e pesante.

Il 9 settembre 2013, poi, The Guardian ha pubblicato la lista dei dieci libri che tutti dichiarano di aver letto e apprezzato perchè considerati capolavori della letteratura mondiale. Eccola:

1 1984 di George Orwell (26%)

2 Guerra e Pace di Lev Tolstoy (19%)

3 Grandi Speranze di Charles Dickens (18%)

4 Il giovane Holden di JD Salinger (15%)

5 Passaggio in India di EM Forster (12%)

6 Il signore degli anelli di JRR Tolkien (11%)

7 Il buio oltre la siepe di Harper Lee (10%)

8 Delitto e Castigo di Fëdor Dostoevskij (8%)

9 Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen (8%)

10 Jane Eyre di Charlotte Bronte (5%)

E voi? Avete letto davvero uno di questi romanzi? E avete mentito su qualche libro che non avete realmente mai letto?

Annunci

29 pensieri su “Hai mai mentito sui libri che hai letto?

  1. marcoangels ha detto:

    Leggo una montagna di libri l’anno. Ma tra quelli nominati in lista ho letto solo il 6, che tra l’altro è uno dei miei libri preferiti.
    Che senso ha mentire poi davvero? Leggere significa poi saperne parlare e avere un proprio giudizio, positivo o negativo che sia…

    • Valentina ha detto:

      Io quello non l’ho ancora letto, ma ce l’ho conservato. Lo comprai diversi anni fa con una promozione. Ormai se ne parla almeno l’anno prossimo!
      A molte persone evidentemente non interessa avere un giudizio personale, si parla, si parla, si parla…

  2. lau1988 ha detto:

    Di questi ho letto il 4, il 7 l’8 e il 9… Guerra e pace l’ho iniziato una miriade di volte, ho la splendida edizione Mondadori in 4 volumi, confesso di non essere mai andata oltre il primo. Prima o poi mi metterò d’impegno e lo leggerò tutto, è solo questione di tempo! 1984 è nella lista dei libri che intendo leggere un giorno o l’altro…
    Ad ogni modo, non ho mai mentito riguardo ai libri letti, e francamente penso sia da sciocchi farlo! Condivido quanto suddetto, è proprio questo il motivo che mi spinge a leggere ogni cosa, anche generi che non mi appartengono, per saperne parlare ed esprimere una mia opinione.

  3. pilar93 ha detto:

    Io ASSOLUTAMENTE SI. Ho mentito un sacco di volte. Il motivo per cui l’ho fatto è stato principalmente perché, conoscendo la trama del libro e magari avendo letto qualche spezzone, SO che sarebbe un libro perfetto per me. Che mi descriverebbe. Ma purtroppo non ho ancora avuto il tempo di leggermelo davvero.

    Ultimamente però sto cercando di smettere. Tipo, giusto ieri sera ho ammesso di non aver mai letto “1984”, appunto. E questo è il tipico libro che sarebbe perfetto per me, infatti sicuramente lo leggerò, non può mancarmi. Sto cercando di smettere di mentire appunto per non finire in conversazioni imbarazzanti.

    Della lista ho letto davvero “Orgoglio e pregiudizio” e “Il giovane Holden”, tra i miei libri preferiti.

    • Valentina ha detto:

      Beh ma comunque lo leggerai, il libro su cui hai mentito.
      Io trovo che non ci sia niente di male nel dire “non l’ho letto”, ognuno ha i suoi gusti e non è detto che i libri del mondo debbano essere letti tutti, anche perchè sarebbe impossibile.
      “Orgoglio e pregiudizio” e “Il giovane Holden” li letti anch’io, fantastici 😉

  4. karina890 ha detto:

    Non mi ricordo di averlo fatto, di aver mentito sulle letture e non voglio negare che pur avendo la camera piena di libri leggo troppo, troppo poco. Onestamente non capisco nemmeno dopo la spiegazione perché mai qualcuno dovrebbe mentire: una persona lo ha fatto davanti a me spudoratamente un mesetto fa e non ne vedo ancora il senso dato che si è tradita da sola.
    Cosa ho letto della lista: Guerra e Pace, Orgoglio e Pregiudizio e Jane Eyre. 1984 è nella mia libreria ma non so quando lo leggerò.

  5. Emily ha detto:

    Non ho letto neanche un libro della lista. Sono vergognosa, lo so, haha.
    Io e i grandi classici non andiamo molto d’accordo, ma prometto sempre a me stessa di recuperare…

  6. marisamoles ha detto:

    Io la metà dei libri in elenco non l’ho letta. Certamente non leggerò mai “Il signore degli anelli” e sono indecisa su “1984” perché di Orwell ho letto “La fattoria degli animali” e non mi è piaciuta per nulla.
    In ogni caso, c’è sempre tempo. 😉

    P.S. Ho visto che è uscito il seguito de “Il mio nome è Nessuno” … e io, ascoltando il tuo consiglio, non ho letto il primo, che ho acquistato mesi fa, e ora devo aspettare un’altra estate. 😦

    • Valentina ha detto:

      Anch’io ho letto “La fattoria degli animali” e non è piaciuto neanche a me. Però chissà… vedremo!
      Sì, l’ultimo di Manfredi è uscito il 10 settembre. Io ancora non ho potuto comprarlo, quando torno dalla villeggiatura corro in libreria! Farò una recensione praticamente subito. Devi aspettare un’altra estate per il fattore tempo libero?

  7. Punto e virgola G. ha detto:

    Come mai non vedo in quella lista di 10 titoli più apprezzati “Il vecchio e il mare” e vedo invece “Guerra e Pace” (anche se questo testimonia le bugie che vengono dette sui libri non letti)? Arf Arf Arf!

  8. Punto e virgola G. ha detto:

    Eppure secondo Bukowski, che je se può di tutto ma non che ci capisse di letteratura, è il più brutto e finto di Hem… chissà chissà.
    Per quanto mi riguarda rimane il libro che più ho letto e più rileggerò nella mia vita.

    • Valentina ha detto:

      Vedi? Un punto a favore della mia antipatia per Bukowski, che è leggermente immotivata perchè ancora non ho letto nulla, ma sai com’è, quando sui social network vedi allegre tredicenni che ti sbattono in faccia alcune sue frasi piene di parolacce te lo fanno odiare.
      Il vecchio e il mare riapparirà nel prossimo articolo 😉

      p.s. benvenuto!

  9. Mariella ha detto:

    Uhhhh, fingere di avere letto un libro. No, non sarei capace. Tempo fa scrissi in un post a proposito di libri che non siamo riusciti a leggere, nel senso che proprio li rifiutiamo;in cima alla mia lista l’Ulisse di Joyce.
    Poi del tuo elenco:
    1)3)4)7)9)10 letti tutti. Il numero sette è di gran lunga uno dei miei preferiti in assoluto.
    Il resto dell’elenco è nella mia libreria; questo perchè aspettano che io sia abbastanza anziana da essere più paziente nella lettura.
    Nel caso di Tolkien però, credo che non ci riuscirò nemmeno da vecchia.

    • Valentina ha detto:

      Pensa che io “Ulisse” ce l’ho in lettura, da mesi, ma sempre in lettura è. Povera me!
      Tolkien è tosto, io un giorno ce la farò. Una volta ho iniziato “Lo hobbit” ma non sono riuscita ad andare troppo avanti.

  10. ilnonamato ha detto:

    Della lista ho letto solo l’1 e il 6… però il 6 l’ho letto in 24 ore quasi ininterrotte. allora non lavoravo, erano vacanze estive… Dire che ho letto un libro anche se non è vero… non so, a volte capita che ne abbia letto uno e che mi ricordi più nemmeno una riga di quello (che vuol dire molto sulla qualità del libro di solito). Però non sono nemmeno d’accordo sulla sacralità di certi tomi ponderosi: Guerra e Pace non mi attira, forse non lo leggerò mai, altri della lista forse sì. Magari sbaglio. Una buona serata!

    • Valentina ha detto:

      Infatti quei libri sono finiti nei canoni letterari per motivi ben precisi. Ovviamente un loro valore ce l’hanno ma ognuno di noi ha i suoi gusti quindi li considera in maniera diversa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...