Giuseppe Tomasi di Lampedusa su Emily Brontë

Ci rimane adesso di parlare di Emily, l’ardente, la geniale, l’indimenticabile, l’immortale Emily. Essa non scrisse che pochi versi, brevi liriche aspre, ferite, alla cui malia non si sfugge. E un romanzo. Wuthering Heights, un romanzo come non ne sono mai stati scritti prima, come non saranno mai più scritti dopo. Lo si è voluto paragonare a King Lear. Ma veramente, non a Shakespeare fa pensare Emily, ma a Freud; un Freud che alla propria spregiudicatezza e al proprio tragico disinganno unisse le più alte, le più pure doti artistiche. Si tratta di una fosca vicenda di odi, di sadismo e di represse passioni, narrate con un stile teso e corrusco spirante, fra i tragici fatti, una selvaggia purezza. Il romanzo romantico, se mi si consente il bisticcio, ha qui raggiunto il proprio zenith.

(da Letteratura inglese)

Ritratto di Emily Brontë, dipinto dal fratello Branwell nel 1833 circa

Annunci

7 pensieri su “Giuseppe Tomasi di Lampedusa su Emily Brontë

  1. karina890 ha detto:

    Personalmente amo questa storia perché nonostante quello che ha scritto Tomasi di Lampedusa che è la purissima verità i personaggi in mezzo alla ferocia, al sadismo, la vendetta, l’odio ecc., si amano davvero e si accettano proprio per quelli che sono. Stavo pensando di rileggerlo: mi sa che lo faccio! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...