“Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo” di Hans Sahl da domani 22 gennaio in libreria

Qualcuno di coloro che mi seguono già da un po’ sa che io, la Giornata della Memoria, la sento in modo particolare. Quest’anno, in occasione di questa celebrazione, sto leggendo una raccolta di poesie di Hans Sahl, Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo (cura e traduzione di Nadia Centorbi) che uscirà domani 22 gennaio nelle librerie, edita da Del Vecchio.

Nell’opera di Hans Sahl si può osservare il secolo intero, con tutti i suoi rivolgimenti e le imponderabili derive.

[Franz Josef Görtz]

Le poesie sono tutte tradotte ma col testo originale a fronte, per chi volesse leggerle in tedesco. Personalmente non conosco la lingua, ma penso che soprattutto nel caso della poesia sia interessante soprattutto leggerla nella lingua in cui è stata scritta. Ma vediamo chi è l’autore.

Hans Sahl

Hans Sahl

Nato nel 1902 in una famiglia di industriali di Dresda di religione ebraica, Sahl fu attivo come critico cinematografico già dal 1920, e tutta la sua vita fu accompagnata dalla scrittura letteraria. Fu anche traduttore di autori di rilievo, come Tennessee Williams, Arthur Miller e Thornton Wilder. Tornato in Germania negli ultimi anni della sua vita, si spense a Tubinga nel 1993. Di Sahl è uscito in Italia: Memorie di un moralista. L’esilio nell’esilio, Sellerio 1995.
Pochi esponenti della letteratura tedesca dell’esilio hanno vissuto l’estraneità con la radicalità di Hans Sahl. A testimoniarlo gli scritti autobiografici, tenacemente intesi a tracciare un’iconografia dell’esilio, ma anche questa intensa e sincera produzione poetica, che evidenzia suoni e vibrazioni di un’esistenza precariamente sospesa tra identità e dispersione. Appena qualche anno prima di rientrare definitivamente in Germania, Sahl scriveva a Joachim Koch, l’editore della rivista «Exil»: «Esilio – non si tratta soltanto di una definizione politico–geografica, non solo di un luogo dell’estraneità, del confino. L’esilio è quasi diventato un moderno stato di coscienza. Ci sono interi popoli che vivono in esilio nel loro stesso Paese, per altri l’esilio diventa una seconda patria». Per Sahl, poeta “dal cuore pieno d’estraneità”, l’esperienza dell’esilio travalica lo spazio circoscritto dell’urgenza storica, estendendosi prospetticamente alla sfera esistenziale e facendosi permanente condition humaine.

Ecco uno scrittore da (ri)scoprire, la cui capacità di illuminare il momento è ineguagliabile.

[Die Zeit]

Hans Sahl, Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l'uomoQuando nel 1942 dà alle stampe il suo primo volume di poesie Le chiare notti. Poesie dalla Francia, Hans Sahl ha quarant’anni. Alle sue spalle l’Europa in fiamme e nove lunghi anni di esilio, trascorsi per lo più a Parigi. Dalla Germania nazista era fuggito, unendosi alla schiera degli emigranti della prima ora, nel marzo 1933, «non solo come ebreo, ma anche come oppositore di Hitler», riparando dapprima a Praga, poi a Zurigo e infine a Parigi fino allo scoppio della guerra. All’invasione della Francia da parte delle truppe tedesche, fu internato nei campi di lavoro francesi, in uno dei quali condivise la drammatica esperienza con Walter Benjamin. Nel 1941 riuscì a fuggire e raggiungere Marsiglia, uno dei pochi porti d’Europa dal quale era ancora possibile salpare in direzione degli Stati Uniti. Approdò a New York e vi si stabilì, per rientrare in Germania definitivamente solo nel 1989. Cinquantasei anni di esilio in cui Sahl svolse prevalentemente il lavoro di corrispondente culturale da New York per diversi giornali e riviste. Si dedicò altrettanto proficuamente all’attività di traduttore, nell’ambigua consapevolezza di avere ormai «siglato un patto con l’estraneità».

Nei versi di Sahl riecheggiano i momenti bui del Ventesimo secolo e la dolorosa esperienza dell’esilio, rielaborati celebrando il coraggio, la tenacia, la forza necessaria all’elaborazione e la potenza della parola poetica.
Vi lascio un estratto.

Non muori volentieri?
Hai paura della morte?
Una volta era così lontana,
e ora mangia il mio pane
e parla con me
e conta le mie dita.
Uno manca,
ma ne hai ancora quattro
e un orecchio che ancora sente,
e un occhio che ancora riconosce,
e un cuore che non rinuncia –
batte ancora, brucia.

Titolo: Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo
Autore: Hans Sahl
Traduzione: (e cura) Nadia Centorbi
Genere: Raccolta di poesie
Anno di pubblicazione: 2014
Pagine: 272
Prezzo: 14,80 €
Editore: Del Vecchio – Collana “Poesia”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...