“La stirpe dell’Apocalisse” di Salvatore Margiotta

Siamo a New York. Al North General Hospital, in piena notte, viene rapito un bambino nato da appena due giorni e l’ispettore Frank Camarda deve occuparsi delle indagini. Chi ha rapito il piccolo Arnold? E, soprattutto, perché? Quando ci sono di mezzo i bambini non è mai facile per Camarda, e questa storia si dimostrerà più complicata del previsto. Addirittura ad un certo punto la lunga serie di indizi a sua disposizione lo costringe a spostarsi oltreoceano, a Dresda, dove verrà affiancato dall’ispettore Karla Offenbach, un’affascinante e acuta bionda che lo aiuterà a risolvere il caso.
I due scopriranno di avere a che fare con un gruppo di scienziati coinvolti anni prima nella Guerra Fredda e che oggi stanno portando avanti il loro complotto, con l’appoggio dei poteri forti degli Stati Uniti. Frank e Karla combattono contro forze oscure, contro una nascente setta di superuomini creati dalla follia di pochi, contro qualcosa che può distruggere l’umanità intera.

Salvatore Margiotta (Palermo, 1964) è laureato in Farmacia, ma coltiva da sempre la passione delle arti grafiche e figurative. È imprenditore nel campo chimico. La stirpe dell’Apocalisse è il suo primo romanzo.

Salvatore Margiotta (Palermo, 1964) è laureato in Farmacia, ma coltiva da sempre la passione delle arti grafiche e figurative. È imprenditore nel campo chimico. “La stirpe dell’Apocalisse” è il suo primo romanzo.

La stirpe dell’Apocalisse è il romanzo d’esordio del palermitano Salvatore Margiotta, pubblicato da Cairo Editore a settembre 2013. Pur essendo l’opera prima di questo autore, personalmente, ho notato una certa maturità, segno lampante che l’idea della trama era chiara nella sua mente e che chi lo ha seguito durante l’elaborazione del libro è stato molto professionale. Oltre al fatto che è scritto molto bene, ho apprezzato la tecnica delle storie separate (di ambientazione temporale diversa) che piano piano si vanno intrecciando portandoci alla soluzione del problema.
Il paragone che sto per fare può risultare un po’ azzardato, perché si tratta di un esordiente, ma confesso che, leggendolo, mi ha ricordato molto Dan Brown e Michael Connelly e, ripeto, per uno che ha appena iniziato è davvero sorprendente. A questo punto, spero in un suo secondo romanzo e, perché no?, di ritrovarci Frank Camarda, personaggio che mi è piaciuto molto.

Io leggo pochissimi thriller, ma quelli che leggo evidentemente me li so scegliere bene perché resto sempre soddisfatta. Questo libro, onestamente, non lo conoscevo, mi è giunto a casa tramite mio padre che lo ha preso e me lo ha fatto vedere. Io provo a leggere tutto, per poi giudicare se una cosa ha valore o non ne ha, e questo libro ce l’ha. Poi, dovrei fare mente locale, ma al momento non mi vengono in mente nomi di autori italiani che si sono lanciati nel genere del thriller a sfondo scientifico/tecnologico come ha fatto Margiotta nel suo romanzo.

Che dire? Esordio superlativo!

Titolo: La stirpe dell’Apocalisse
Autore:
Salvatore Margiotta
Genere: 
Romanzo, Thriller
Anno di pubblicazione:
 2013
Pagine: 320
Prezzo: 15 €
Editore: Cairo

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienaspiena

Annunci

4 pensieri su ““La stirpe dell’Apocalisse” di Salvatore Margiotta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...