Una marina di libri 2014

Ieri finalmente sono riuscita a partecipare a Una marina di libri, qui a Palermo e sono tornata a casa entusiasta. Non essendo abituata a fiere o saloni del libro, e ancor di meno a partire per andarci (la Sicilia è collegata molto male al resto d’Italia e del mondo, non basta prendere un treno per essere in un’ora dove vuoi), mi sentivo nel paese dei balocchi. La manifestazione si è tenuta alla GAM, Galleria d’Arte Moderna, e c’erano discussioni e incontri con gli autori in qualsiasi punto possibile della struttura. Per non parlare del chiostro pieno di stand delle varie case editrici. Io alcuni editori che erano presenti neanche li ho trovati, ed è un peccato. Ma immaginate la confusione e soprattutto immaginate me che, in una sorta di trance, mi aggiravo tra la gente pensando “sì, sono in paradiso”.

Quando sono arrivata, all’entrata, mi sono subito imbattuta in Gian Mauro Costa (autore che mi piace molto, ve lo consiglio) che dialogava con Marco Steiner sul libro Il corvo di pietra (Sellerio). Io volevo seguire tutto e tutti, quindi andavo avanti e indietro come una pazza per cercare di non perdermi nulla, cosa che era impossibile.

WP_003599

Poi mi sono spostata e sono finita da un’altra parte dove, con piacere, ho assistito a una parte della presentazione di Cosa vuoi fare da grande (Del Vecchio Editore), con uno degli autori, Angelo Orlando Meloni. Dico con piacere anche perché questo libro è già stato recensito qui e incontrare l’autore fa sempre piacere, poi credo che sia una persona molto simpatica.

WP_003600

Mi sarebbe piaciuto trattenermi di più e fare un saluto all’autore (Angelo, probabilmente mi avresti fatto una pernacchia, ma vabbè), ma, come ho già detto, vagavo come una rimbambita da un punto all’altro. Poi gli orari sono andati a farsi benedire: quelli che dovevano iniziare alle 18 iniziavano alle 18.40, quelli delle 18,30 alle 19, ecc.. Quando sono uscita, stava cominciando l’incontro con Alicia Giménez Bartlett, intervistata per l’occasione da Santo Piazzese, ed entrambi sono autori che mi piacciono moltissimo. La Bartlett ha detto che lei con Petra Delicado (suo personaggio ricorrente) non c’entra niente, che non è sempre così arrabbiata, che ha meno problemi e meno mariti della sua ispettrice. Credo sia una donna molto spontanea e alla mano, mi ha fatto un’ottima impressione. Io non l’ho ancora letta bene, ma l’ho affrontata solo coi raccontini delle raccolte Sellerio, e mi ha conquistata. Comunque poco tempo fa ho comprato un suo libro in spagnolo, quindi l’ho portato lì per farmelo autografare.

WP_003603
WP_003604

Lei è stata molto, molto carina. Quando ha visto che il libro era in spagnolo si è stupita e mi ha chiesto se studiassi spagnolo; le ho detto che avevo appena terminato gli studi, mi ha fatto i complimenti, mi ha stretto la mano e poi mi ha detto “no lo pierdas, tu español, sigue leyendo” (non perdere il tuo spagnolo, continua a leggere). E se me lo dice nientepopodimeno che la Bartlett, posso mai non farlo?

Alla fine me ne sono andata con le gambe che ancora tremavano e con un solo libro acquistato. Mi sono ripromessa di non comprarne troppi perché, nonostante con l’eliminazione di alcuni testi universitari ormai inutili stia conquistando spazio, questo spazio non è comunque infinito, e le finanze neanche. Ho preso solamente Come un respiro interrotto di Fabio Stassi, e se lo avete letto fatemi sapere.

Ah, e questa sono io che tentavo di non cadere perché mi tremavano le gambe per l’emozione, mentre aspettavo lei che scriveva.
Non sono gobba, ma la sua sediolina era veramente bassa!

10421433_10203894570834213_7599661671650821921_n

Annunci

7 pensieri su “Una marina di libri 2014

  1. karina890 ha detto:

    Che la sediolina era proprio piccola si vede o.o’ per il resto…wow!, non c’è nient’altro d’aggiungere ^^

  2. Scrutatrice Di Universi ha detto:

    Che belle queste occasioni! Quando sono stata (l’univa volta, ahimè!) a Libri Come a Roma ed ho incontrato Zafón ero emozionata al massimo e sopratutto entusiasta dell’atmosfera che si respirava. Senti proprio l’odore delle pagine dei libri svolazzare nell’aria!

  3. Dottor Jim ha detto:

    Dev’essere stata una forte emozione per te 🙂

    E pensa che qui da noi c’è UNA sola fiera del libro (e pure abbastanza importante perché è l’unica di tutta la Sardegna) e da quest’anno, dopo tanti anni, è in forse l’edizione 2014 e sai perché? Perché anche qui qualcuno ha preso alla lettera la famosa vaccata del “Con la cultura non si mangia”.

    Inutile ogni protesta: è più no che sì. Spero che da qui a Ottobre qualche zucca vuota cambi idea e che si faccia. Oltretutto si trova in un posto a mezz’ora di macchina da me, quindi non ci sono nemmeno problemi a raggiungere il luogo.

    A parte questo complimenti per la tua avventura 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...