“Tango a Istanbul” di Esmahan Aykol

Esmahan Aykol fino a poco più di un mese fa mi era totalmente sconosciuta, l’ho scoperta perché mi è stato regalato il suo ultimo libro pochi giorni dopo l’uscita. Devo dire che è stata una scoperta gradevole che mi ha permesso di passare due, tre giorni con una lettura divertente.

WP_003845Tango a Istanbul ha come protagonista Kati Hirschel, personaggio ricorrente della Aykol, che è mezza stambuliota e mezza tedesca ed è proprietaria di una libreria specializzata in gialli. Data la sua passione per questo genere letterario, come pensate che sia il carattere di questa donna? Appena si presenta l’occasione, cioè il delitto o la disgrazia che sia, inizia subito a comportarsi da brava detective e a voler risolvere il mistero. In questo caso, è successo che Nil, un’amica della sua dipendente Pelin, stava prendendo un caffè al bar con una sua compagna del corso di tango (si era iscritta perché stava scrivendo un libro sugli argentini e voleva conoscere meglio la loro cultura), e ha avuto all’improvviso un attacco di cuore con bava alla bocca. Una cosa difficile a 25 anni, a meno che tu non abbia assunto droghe. Appena saputa la notizia, Hakan, il fratello di Nil, si precipita in città e mentre cerca di scoprire una cosa sembra anche nasconderne tante altre. Kati, ficcanasando deliberatamente, riesce a farsi assumere come detective da Hakan e i due, aiutati da un bel gruppetto di gente (Pelin, Fofo, l’altro dipendente gay, e Lale, un’amica di vecchia data di Kati) iniziano a fare indagini e a chiedere in giro perché sono convinti che il malore di Nil non sia stato un caso o un incidente, loro ci vedono dietro altro, sospettano si tratti un omicidio. Poi è molto, molto strano che la mattina stessa della tragedia, Kati fosse andata da una veggente e questa le avesse predetto, con i fondi di caffè, la morte di una donna giovane e bella.
Alla fine risolveranno il caso, ma scopriranno anche tantissimo sulla vita di questa ragazza, o meglio, sulla sua vita nascosta, quella che c’era dietro al lusso di cui si circondava e non si sarebbe potuta permettere solo scrivendo articoli di moda. E Kati, forse, trova anche l’amore!

Dicevo che questo libro mi è piaciuto tanto. Ha uno stile frizzante e simpatico, con una chiarissima impronta femminile. Ci sono quegli autori che rimangono sempre un po’ lontani dal loro personaggio, che lo caratterizzano poco, invece la Aykol fa apparire Kati come una donna davvero carina e soprattutto arguta. Mi piace molto l’idea della libraia con la passione per il giallo, che con tutte le sue letture si fa una cultura quasi per affrontare il mestiere di investigatore, cosa che fa nel migliore dei modi contagiando tutti gli altri personaggi. Basti pensare che la sua amica Lale è convinta che le intercettino le telefonate!

Il romanzo è leggero, una lettura, come ho già detto, divertente e con cui ci si può distrarre da altre più pesanti. Sono questi i nuovi gialli, quelli per niente seriosi e, anzi, pieni di humour. Tra battute e commenti ironici, ci troviamo tra le strade di una città come Istanbul, a girare tra quartieri alti e bassi, ad assaporare pietanze orientali o semplici sandwich occidentali, è quasi un misto tra i due mondi. L’unico appunto che si può fare è il finale, secondo me casca un po’, nel senso che il lettore magari si aspetta chissà quale mistero e invece poi si risolve in maniera molto più soft di quanto si creda. Ma non è un grave danno, perché nonostante questo il mio parere resta più che positivo. Lo consiglio!

Titolo: Tango a Istanbul
Autore: Esmahan Aykol
Traduzione:
 Emanuela Cervini
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
2014
Pagine: 312
Prezzo: 14 €
Editore: Sellerio

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasvuota

Esmahan Aykol, nata nel 1970 a Edirne, Turchia, vive tra Berlino e Istanbul. Durante gli studi universitari in giurisprudenza ha lavorato come giornalista per radio e giornali turchi. Oggi, dopo una parentesi come barista, si dedica completamente alla scrittura. Della serie con protagonista Kati Hirschel Sellerio ha pubblicato Hotel Bosforo (2010), Appartamento a Istanbul (2011) e Divorzio alla turca (2012).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...