Giuseppe Tomasi di Lampedusa su John Keats

Talvolta appaiono sulla terra degli esseri che riflettono nella loro esistenza una luce più che umana. Ma per appartenere a questa ristrettissima élite il genio non basta: né Shakespeare, né Dante, né Michelangelo, né Baudelaire sono degli “angeli”. Sono forse degli Dei, angeli non sono. Bisogna, per essere annoverati fra gli angeli, morire molto giovani, o giovanissimi cessare qualunque attività artistica; bisogna, va da sé, che questa attività sia di valore supremo; bisogna insomma che la loro apparizione sia fulgida e brevissima, così da dare a noi grigi mortali la sensazione di un visitatore superumano che durante un istante ci abbia guardato, e sia dopo ritornato ai suoi cieli, lasciandoci doni di qualità divina e anche un amaro rimpianto per la fugacità della sua apparizione. Fra gli “angeli” io ritrovo Raffaello e Masaccio, Mozart e Hölderlin, Rimbaud e Maurice de Guérin, Shelley, Marlowe e Keats. […] In questa lista, splendente di gioia e, per noi, di lacrime, il posto supremo spetta a John Keats. Di tutti egli è il solo assolutamente puro. So bene che non è colpa loro, ma qualche macchia di fango imbratta le ali di Marlowe e di Shelley; Rimbaud è indubbiamente un angelo, ma, come Marlowe, non si sa bene se venisse da su o da giù; la lussuria di Raffaello, la follia di Hölderlin, l’iracondia di Masaccio, la moglie di Mozart sono delle lievi mende sul candore delle loro vesti. Angelo di prima classe, arcangelo, serafino, cherubino, angelo a tutto tondo, angelo a cento carati, angelo con le ali di prima scelta garantite contro le tarme non vi è che John Keats.

(Giuseppe Tomasi di Lampedusa)

John Keats (Londra, 31 ottobre 1795 – Roma, 23 febbraio 1821), poeta inglese, uno dei principali esponenti del romanticismo.

Advertisements

6 pensieri su “Giuseppe Tomasi di Lampedusa su John Keats

  1. rodixidor ha detto:

    Non so se è giusta questa analisi di Tommasi di Lampedusa. Qualche anno fa avrei condiviso questa idea degli angeli un po’ maledetti e dalla vita breve ma sarà che Mick Jegger ha compito 70 anni e suona sempre da grande non sono più convinto. A parte gli scherzi penso che lo stesso Tommasi di Lampedusa che ci ha regalato delle pagine talmente alte (insuperabile la descrizione della morte del Marchese di Salina) da dover essere sicuramente da annoverare tra gli angeli anche senza possedere quelle caratteristiche che egli cita in questo scritto.

    • Valentina ha detto:

      Lo vedevo proprio ieri Mick Jagger, ma onestamente mi sembra un po’ un tardone, oggi. Uno che vuole fare il giovanotto ma ha la sua età e appare un po’ ridicolo.
      Comunque, indubbiamente Tomasi di Lampedusa ha i suoi meriti, sia come autore che – pochi lo sanno – come critico letterario.

      • rodixidor ha detto:

        Capisco il tuo punto di vista che è della tua età. Anche io la vedevo così tempo fa. Fra qualche anno però probabilmente considererai anche un altro aspetto: per chi ha fatto il il musicista per tutta la vita (come per un pittore, uno scrittore etc) finché ha ancora da dire/suonare non arriva mai l’ora di smettere e quindi se non sei fra quegli angeli dalla vita breve rischi il ridicolo ma non sai fermarti, ed è bello anche così Con simpatia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...