Oggi esce il secondo numero di Traviesa: “Trucho”

ImmagineLa letteratura sudamericana spesso viene messa da parte, ma credo che sia molto interessante, una volta che ne vengano compresi i meccanismi. Caravan Edizioni da qualche tempo ha intrapreso una collaborazione con Traviesa, un collettivo di autori, da cui è venuta fuori una rivista/antologia di racconti che esce periodicamente e che raccoglie testi di giovani autori latinoamericani che ruotano intorno ad un tema di volta in volta diverso. Questa volta si parla di trucho (come dice il titolo stesso dell’antologia), tematica sviluppata da quattro voci differenti in modo personale. Il falso a volte rappresenta il centro della vicenda, ma può essere anche un episodio isolato.

Trucho, come leggiamo nel prologo di Federico Falco, potrebbe derivare etimologicamente dall’italiano trucco, che richiama la falsificazione, l’illusione. Ma nel lunfardo (un gergo tipico della malavita di Buenos Aires, ma anche delle canzoni del tango) troviamo trucha che significa faccia; pensiamo quindi alla faccia di bronzo, all’imbroglione che cerca di fregare il prossimo. Falco ricorda anche la parola araba targiuman (in italiano turcimanno), che anticamente indicava un interprete che mediava tra mercanti di diversa provenienza e che spesso non traduceva in maniera corretta per imbrogliare.

Questo per dare un’idea di qualcosa di taroccato. Pensiamo ad esempio al primo racconto, Omega di Diego Zuñiga (Cile), in cui un bambino trova un orologio nel comodino del nonno. La sorella gli dice che quell’oggetto è stato sulla Luna e la sua compagna di banco conferma quella versione e, anzi, aggiunge che è stato creato dalla NASA per gli astronauti dell’Apollo 11. Il ragazzino racconta tutte queste cose ai compagni che accolgono l’esposizione con un’ovazione, ma quando la mamma perde il lavoro e decide di vendere l’orologio per guadagnare qualcosa l’orologiaio gli dice che è un falso. In realtà l’orologio era fermo, non seguiva un ritmo diverso da quello terrestre, come gli avevano detto, e quasi si pente delle falsità raccontate agli amici. Una bugia porta altre bugie.

Ma trucho non è per forza un oggetto, può essere anche un’identità falsificata, come in Las mañanitas di Federico Guzmán Rubio (Messico), in cui due immigrati messicani, trasferitisi negli USA, cercano di capire come li vede il nordamericano medio e si comportano di conseguenza, secondo l’idea falsa di “messicanità” che il loro capo si è fatto nel tempo. Oppure in La marca di Javier González (Colombia), un racconto pieno di frasi brevi e lapidarie, dove ad essere falsificato è quasi uno stile di vita, un’intera azienda attorno alla quale ruotano tantissimi personaggi che nascono, muoiono, litigano, si sposano, si separano e vivono le loro vite. Ma il marchio, falso perché la stilista non fa altro che copiare in giro per il mondo altre marche più prestigiose, resiste, indipendentemente da coloro che vi lavorano.
L’unico racconto in cui il falso non viene stigmatizzato è Due spade laser di Hernán Vanoli (Argentina), che addirittura immagina una dimensione in cui reale e virtuale si sdoppiano, si scambiano, e in cui le copie non s’impossessano di un marchio, ma di un’identità.

Ho trovato molto interessanti questi racconti e soprattutto l’accostamento di stili così diversi focalizzati, però, tutti su uno stesso tema. Ve ne consiglio la lettura, soprattutto se conoscete poco la narrativa sudamericana.
La rivista è presente solo in ebook e sarà acquistabile su Bookrepublic.

Titolo: Trucho (Traviesa)
Autori: Diego Zúñiga, Federico Guzmán Rubio, Javier González, Hernán Vanoli
Traduzione:
 Vincenzo Barca (a cura di Federico Falco)
Genere:
 Antologia di racconti
Anno di pubblicazione:
 aprile 2015
Pagine: 80 (ebook)
Prezzo: 3,50 €
Editore: Caravan

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasmezza

Annunci

2 pensieri su “Oggi esce il secondo numero di Traviesa: “Trucho”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...