2015 in books

Salve a tutti e benvenuti nel nuovo anno! Sarebbe stato bello (e magari anche più opportuno) scrivere questo post due giorni fa ma mi sono lanciata in altre attività e non ho avuto il tempo materiale di mandare avanti questa baracca. Ma raccontatemi qualcosa, avete ricevuto bei libri per Natale? Io due bei romanzi di NN editore di cui vi parlerò più in là, La resistenza del maschio di Elisabetta Bucciarelli e Panorama di Tommaso Pincio. Nel 2015 questo editore è stato una piacevole scoperta con Sembrava una felicità di Jenny Offill, quindi ho voluto approfondire meglio la conoscenza concedendomi altre due storie. Solo due perché se fosse per me comprerei tutti i libri che quotidianamente escono; o meglio, forse non tutti, avete sentito parlare dei libri distillati editi da Centauria? Il concetto del distillato è questo: non avete abbastanza tempo per leggere un libro che magari è un po’ lunghetto? Benissimo, adesso quel libro lo trovate sfoltito, alleggerito delle parti che potevano essere lunghe e noiose, senza che la storia ne risenta. Immaginate un po’ di leggere Lo Hobbit di Tolkien senza tutte quelle infinite camminate e le canzoncine dei protagonisti, vi restano venti pagine belle e buone. Qualcuno mi spieghi il senso di questa scelta editoriale, perché onestamente mi è poco chiaro. Se voglio leggere un libro e non ho molto tempo lo leggo piano piano oppure non lo leggo affatto, perché dovrei leggerne una specie di riassunto? Ad ogni modo, seguiremo queste pubblicazioni per vedere che riscontro avranno tra il pubblico.

bilancio2015

In questo 2015 ho letto 73 libri (Goodreads mi dice così) per un totale di 19.344 pagine. Ho letto un paio di libri in meno rispetto all’anno scorso ma mi sono lanciata alla scoperta di volumoni come Infinite Jest di David Foster Wallace che mi hanno tenuta occupata per un bel po’ di tempo e che valgono almeno quattro volte altri libri più piccoli, questo per dire che non sempre il numero di titoli è indicativo, perché un romanzo può avere duemila o trenta pagine, ma sempre un titolo solo spunta nella lista. A proposito di Infinite Jest devo chiarire qualcosa. Non avete letto la mia recensione per il semplice motivo che non l’ho scritta: la lettura non è stata facile, mi ha mandato il cervello in pappa e mi sono distratta moltissime volte. Definito il più grande romanzo americano, tratta innumerevoli temi e descrive e critica l’America e il mondo moderno attraverso una metafora sulle gerarchie in un’accademia di tennis. Questo solo in soldoni, perché chi di voi lo ha letto saprà che è difficile riassumere in poche righe un volumone del genere, e che, a meno che non si voglia scrivere un trattato di critica letteraria, se ne deve parlare per forza in maniera semplicistica. Non ve ne ho parlato, dicevo, ma sono intenzionata a rileggerlo prima o poi perché sono convinta di non averlo apprezzato come avrei dovuto.

IMG_20150907_192346

Sì, ho cercato di farmi dare una zampetta da Mimmina per leggere questo romanzo difficile. Probabilmente lei ci ha capito più di me.

Ho letto una buona dose di libri che mi hanno delusa, compresi i due abbandonati a metà strada La settima onda (seguito di Le ho mai raccontato del vento del nord di Daniel Glattauer) e Il desiderio di essere come tutti di Francesco Piccolo, ma ho anche scoperto romanzi bellissimi che vi segnalerò nel listone, in cui troverete evidenziati in grassetto i migliori dieci. Quelli di Grossman ovviamente li trovate tutti segnalati perché è un autore che amo in particolar modo e raramente mi delude, ma A un cerbiatto somiglia il mio amore merita una menzione speciale perché in quelle ottocento pagine circa si trova l’intero mondo dei sentimenti umani, ed è un libro particolarmente sentito dall’autore stesso. Ho scoperto, poi Chi manda le onde di Fabio Genovesi, divertente e triste allo stesso tempo, che racconta di come per sentirsi meno soli si debba condividere la propria solitudine con quella di un altro; Follia di Patrick McGrath, osannato da tutti, che mi sono finalmente decisa a leggere e che mi ha presa fin dalla prima riga, una storia di amore e follia che tiene incollati alle pagine; L’uccello dipinto di Jerzy Kosinski, una storia cruda e straziante di un bambino polacco durante la seconda guerra mondiale, che forse è una specie di autobiografia dell’autore; L’importanza di chiamarsi Hemingway di Anthony Burgess, bellissima biografia in chiave un po’ ironica del mio autore del cuore; il piccolissimo Basta poco per sentirsi soli di Grazia Cherchi, che nelle sue poche pagine offre tantissimi spunti di riflessione; Terre selvagge, romanzo di Sebastiano Vassalli, scomparso da pochissimo, che narra della battaglia tra i Romani e i Cimbri. Non trovate evidenziata, ma avrebbe dovuto esserlo, la saga de L’amica geniale di Elena Ferrante, composta da quattro libri davvero coinvolgenti che narrano l’amicizia molto particolare tra Elena e Lila, partite da un rione di Napoli e diventate adulte in un mondo che ha subito tanti, troppi cambiamenti.
Ma ecco la lista (di quasi tutti trovate la recensione scrivendo il titolo nella casella della ricerca sulla barra laterale):

  1. Il canotto insanguinato di Augusto De Angelis
  2. L’eleganza del riccio di Muriel Barbery
  3. Qualcuno con cui correre di David Grossman
  4. I cento libri che rendono più ricca la nostra vita di Piero Dorfles
  5. Marilyn. Gli ultimi tre giorni di Elisabetta Villaggio
  6. Ma le stelle quante sono di Giulia Carcasi
  7. Scrivere una favola (La scuola del racconto)
  8. La strage dei congiuntivi di Massimo Roscia
  9. L’amica geniale di Elena Ferrante
  10. La selva oscura di Francesco Fioretti
  11. L’uomo di Schrödinger di Giovanni Marchese
  12. Cinque stagioni di Abraham Yehoshua
  13. Una questione privata di Beppe Fenoglio
  14. Suite francese di Irène Némirovsky
  15. Precariopoli di Fabio Lastrucci
  16. Il desiderio di essere come tutti di Francesco Piccolo (ABBANDONATO)
  17. Purtroppo ti amo di Federico Pacini
  18. Traviesa – Trucho
  19. L’infinito nel palmo della mano di Gioconda Belli
  20. Storia del nuovo cognome di Elena Ferrante (L’amica geniale 2)
  21. Fatherland di Robert Harris
  22. Storia di chi fugge e di chi resta di Elena Ferrante (L’amica geniale 3)
  23. La settima onda di Daniel Glattauer (ABBANDONATO)
  24. La morte a Venezia di Thomas Mann
  25. Giuda di Amos Oz
  26. Donne che amano troppo di Robin Norwood
  27. Storia della bambina perduta di Elena Ferrante (L’amica geniale 4)
  28. Amore, dieci anni dopo di Julian Barnes
  29. La fiera verrà distrutta all’alba di Angelo Orlando Meloni
  30. Tristano di Thomas Mann
  31. La cameriera di Artaud di Verónica Nieto
  32. Follia di Patrick McGrath
  33. L’uccello dipinto di Jerzy Kosinski
  34. Un’opera di bene di Gianfranco Martana
  35. La ragazza del treno di Paula Hawkins
  36. A un cerbiatto somiglia il mio amore di David Grossman
  37. L’esatto contrario di Giulio Perrone
  38. Chi manda le onde di Fabio Genovesi
  39. Odore di chiuso di Marco Malvaldi
  40. Scritto sulla tua terra di Mauro Libertella
  41. Ritos de muerte di Alicia Giménez Bartlett
  42. Vergogna di J. M. Coetzee
  43. La sposa di Mauro Covacich
  44. Grandi speranze di Charles Dickens
  45. Cosa sognano i pesci rossi di Marco Venturino
  46. Basta poco per sentirsi soli di Grazia Cherchi
  47. Lacci di Domenico Starnone
  48. Sembrava una felicità di Jenny Offill
  49. L’importanza di chiamarsi Hemingway di Anthony Burgess
  50. Infinite Jest di David Foster Wallace
  51. A pesca nelle pozze più profonde di Paolo Cognetti
  52. L’anticristo di Friedrich Nietzsche
  53. Memoria delle mie puttane tristi di Gabriel García Márquez
  54. Nascita e morte delle stelle di Giuseppina Micela
  55. I Middlestein di Jami Attenberg
  56. Cuccette per signora di Anita Nair
  57. Fisiologia del fumatore di Théodose Burette
  58. Scomparso di Ferdinando Albertazzi
  59. Terre selvagge di Sebastiano Vassalli
  60. Holden, Lolita, Živago e gli altri di Fabio Stassi
  61. Il procuratore della Giudea di Anatole France
  62. Racconti dell’età del jazz di Francis Scott Fitzgerald
  63. Acqua nera di Joyce Carol Oates
  64. L’uomo in rivolta di Albert Camus
  65. Cronaca di una morte annunciata di Gabriel García Márquez
  66. Chopin di Eva Polanski
  67. Marian di Eva Polanski
  68. Buchi nella sabbia di Marco Malvaldi
  69. Teoria delle ombre di Paolo Maurensig
  70. Le nove renne di Babbo Natale di Ferdinando Albertazzi
  71. Che tu sia per me il coltello di David Grossman
  72. Come fu che cambiai marca di whisky di Santo Piazzese
  73. I sette rimbalzi del destino di Ferdinando Albertazzi e Paolo Garzella

Adesso ho cominciato il 2016 con I tre moschettieri di Alexandre Dumas e mi sono riproposta di essere meno ingorda e leggere meno porcherie, perché va bene che la vita è lunga, ma non è giusto sprecare il proprio tempo.
Vi ricordo che tra qualche giorno, lunedì 11 per l’esattezza, cominceremo con la prima lettura di #LeggoNobel (QUI trovate tutte le spiegazioni se ve lo siete perso). Vi aspettiamo numerosi per leggere insieme Il libro della giungla di Rudyard Kipling. Forza!

Buone letture a tutti e buon 2016!

Annunci

13 pensieri su “2015 in books

  1. zillyfree ha detto:

    uaoooooo ma quanti cazzo di libri hai lettooooo!!! Brava bravissima! mi piacciono le persone che leggono in modo costante! io son riuscito a tenere una media quasi di un libro a settimana ma dicembre gennaio per lavoro ed agosto per le vacanze diminuisce la voracità libresca!

    • Valentina ha detto:

      Io non potrei stare un attimo senza leggere, ho fatto qualche sosta nei giorni di festa e quando ero in viaggio o avevo parenti di fuori in casa. Almeno una paginetta la conquisto sempre 🙂

  2. athenabruna ha detto:

    Quest’anno non mi sono scostata di molto dal 2014, così ho letto poco meno di 50 libri (48 o 49, una roba simile). Ricordo la tua recensione di Giuda e, infatti, me lo sono segnato in Lista dei Desideri. Chi manda le onde l’ho momentaneamente abbandonato: mi stava sembrando un po’ banale. Piuttosto, La sposa m’è piaciuto abbastanza. Ritos de muerte non lo conosco, ma il titolo mi attira, come tutto ciò che è di lingua spagnola – purché americano, fa eccezione Marias. Mi piacerebbe leggere quello di Stassi. Bene, mi piace l’idea che si leggano le stesse cose ma, soprattutto, tanti libri diversi. Buon 2016 libroso!

    • Valentina ha detto:

      Giuda come sai non è stato tra i miei preferiti, ma si tratta di gusti personali, non è un brutto libro.
      Ci sono libri che abbiamo letto un po’ tutti, magari perché c’è stato lo Strega o per l’irruzione di nuove case editrici nel mercato.
      Buon 2016 libroso a te!

  3. Topper Harley ha detto:

    Complimentoni per le tue letture. Io ho una media di 30 libri l’anno ma, certo, sono dettagli. Come sai, sono impegnato con Infinite Jest e non sono ancora impazzito. A causa sua, ho messo e metterò da parte almeno dieci libri (vista la stazza) e ormai il mio 2016 è compromesso! A occhio e croce non lo finirò prima di febbraio… sigh!

  4. marisamoles ha detto:

    Complimenti, Valentina! Io mi fermo a una quindicina di libri l’anno, la lettura della maggior parte concentrata nei mesi estivi (luglio e agosto, in pratica). Per le vacanze mi sono ripromessa di leggere “Giubileo d’autore” di Marco Roncalli, molto interessante e breve ma non sono riuscita a completarlo. 😦
    Non mi resta altro che augurarti un buon 2016 … in letture. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...