“Il tempo dell’attesa” (La saga dei Cazalet vol. 2) di Elizabeth Jane Howard

«Ho capito cosa vuoi dire. È una specie di trappola.
Uno non dice le cose alle persone a cui vuole bene.
Invece io penso che più vuoi bene a qualcuno, più dovresti dirgli tutto,
anche le cose brutte. Credo che dirsi le cose sia il più grande gesto d’amore».
Mise il braccio intorno a Polly.
«Non devi mai più portare da sola un peso simile. Promettilo!».

 

tempo-attesa-ligt-240x366In uno dei post precedenti vi avevo detto quanto mi ero appassionata al primo volume della saga dei Cazalet della Howard e, ora che sono andata avanti col secondo, non posso fare altro che confermare e ribadire quanto avevo affermato. Sono davvero contenta di essermi tuffata nella storia di questa grande famiglia squisitamente inglese tra la fine degli anni Trenta e l’inizio degli anni Quaranta (almeno fino ad ora), e probabilmente ho capito che le saghe in fondo mi piacciono perché mi permettono di tenermi stretti più a lungo determinati personaggi.
Nel primo volume avevamo lasciato i nostri Cazalet con la sicurezza che l’Inghilterra non sarebbe entrata in guerra, ma adesso le cose sono un po’ cambiate e gli uomini vengono chiamati alle armi, specialmente Edward e Rupert (perché il loro fratello Hugh ha già perso una mano nella guerra precedente). La famiglia deve arrangiarsi come può: le case di Londra, dove abitano tutti inverno, vengono chiuse e si trasferiscono tutti nella grande Home Place, la casa di campagna, servitù e istitutrice comprese. Le donne stanno in casa ma cercano di rendersi utili, c’è chi cuce vestiti, chi presta servizio in una sorta di ospedale approntato da quelle parti e chi deve fare i conti con uno stato fisico non ottimale. Louise, la figlia maggiore di Edward, sta inseguendo la sua grande passione per il teatro, studia recitazione ed entra in una piccola compagnia di attori a Londra, cosa che le fa anche conoscere il mondo con le sue meraviglie e il suo squallore.

E adesso Louise camminava a passi cauti nel buio fitto intorno alla casa, superava il campo da tennis e varcava il piccolo cancello del recinto dell’orto. Faceva un gran freddo e c’era una nebbiolina che creava un senso di sospensione perfetto per un’avventura. Lui aveva una voce meravigliosa, anche quando bisbigliava. La incantava. Era così bello avere qualcuno tutto per sé, qualcuno che l’amava tanto! Cominciava a capire cosa ci fosse di tanto bello nell’amore.

Questo romanzo mi è sembrato più dinamico del precedente, ci sono più avvenimenti importanti e molti personaggi crescono notevolmente. Se devo essere sincera, ho adorato fin da subito Polly e Clary, due ragazzine che qui ho proprio amato alla follia. Sono in un’età in cui cominciano a vedere le cose brutte della vita, ma la loro innocenza permette loro di affrontarle con tenacia, speranza e profondità che dopo un po’ di anni si perde.
Molti dei capitoli sono dedicati esclusivamente ad un personaggio di volta in volta diverso, altri invece sono fatti di spezzoni relativi alla famiglia in generale. Una delle storie che più mi ha appassionato è quella di Louise, una ragazza di circa diciotto anni che in realtà non mi fa impazzire, ma che credo sia nel periodo più interessante della sua vita e in un momento storico parecchio importante. Conosce l’amore, forse, conosce i bombardamenti, conosce un padre che le dedica un po’ troppe attenzioni e col quale teme di trovarsi da sola, conosce la menzogna e il tradimento, e tante altre cose di cui si rende conto ora che sta diventando un’adulta a tutti gli effetti.

Di questo libro ho deciso di non dire troppo perché, trattandosi di una saga, posso solo parlare dell’evoluzione di personaggi e trama, ma per quanto riguarda lo stile e il linguaggio di Elizabeth Jane Howard siamo sempre lì: eleganza, temi importanti trattati in modo soave (non leggero, perché si potrebbe confondere con banale) e grande capacità di far immedesimare il lettore. Dopo Il tempo dell’attesa, comincia il mio personale tempo dell’attesa… del terzo volume, che non vedo proprio l’ora di leggere. Sì, i libri sono abbastanza corposi, potreste obiettare, ma vedrete che ne vale la pena.

Buona lettura!

Titolo: Il tempo dell’attesa
Autore: Elizabeth Jane Howard
Traduttore: Manuela Francescon
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 1991 (2016 questa edizione)
Pagine: 640
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienaspiena

Annunci

4 pensieri su ““Il tempo dell’attesa” (La saga dei Cazalet vol. 2) di Elizabeth Jane Howard

  1. amaranthinemess ha detto:

    Non sono appassionatissimi di saghe e serie varie, preferisco i libri “autoconclusivi” ma questa saga mi sta intrigando tantissimo, ne leggo in giro commenti entusiasti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...