In breve: “Luce perfetta” (Trilogia dei Chironi vol. 3) di Marcello Fois

Non è facile stabilire per quanto tempo una passione
possa covare 
prima che, da inespressa,
passi all’essere, decisamente, espressa.

 

13925522_10209068114931442_9125983779548745223_oLuce perfetta è un romanzo dello scrittore sardo Marcello Fois che è stato pubblicato nel 2015 da Einaudi. Ho letto questo romanzo per motivi che non sto qui a dirvi, ma non sapevo che si trattasse dell’ultimo volume di una trilogia, l’ho scoperto solamente quando ero quasi arrivata alla fine. Ogni tanto qualche pasticcio lo si fa, comunque la saga della famiglia Chironi è cominciata nel 2009 con Stirpe, seguito da Nel tempo di mezzo nel 2012, e terminata lo scorso anno col libro di cui vi parlo oggi, che nella mia ignoranza ho letto come un romanzo a se stante e nulla mi ha fatto pensare che ci fossero degli antefatti, perché comunque sì, si parla di cose successe prima, ma come se fossero assodate.
La storia è quella di Cristian e Domenico che sono cresciuti insieme quasi fossero due fratelli, grazie alla vicinanza dei loro padri (di cui si parla nei volumi precedenti). Cristian è un Chironi, fa parte di una famiglia che è stata sempre rispettata da tutti e che è sempre caduta in piedi, fa parte di una stirpe che però secondo Mimmìu, il padre di Domenico, è diventata troppo ingombrante. I due ragazzi si dividono a causa di Maddalena, di cui entrambi sono innamorati ma che ama Cristian ed è fidanzata con Domenico. Cristian è passione, istinto, intensità, Domenico è sicurezza, dolcezza. Non si fa fatica a capire i sentimenti di Maddalena, ma Mimmìu e Domenico sono svegli e preferiscono che Cristian non metta loro i bastoni fra le ruote.

Per i romantici di tutte le latitudini poteva significare che non si amavano abbastanza, ma per loro significava che non si può essere felici se si ama a discapito degli altri. E allora, infelici per infelici, si erano risolti, senza nemmeno doverselo dire, di essere infelici con altri, piuttosto che tra loro. Tra loro ci sarebbe stato rimpianto, certo, ma non infelicità. Si amavano smisuratamente, ma non potevano, non volevano, aversi. Come spiegare? Non si spiega. Si va avanti.

La storia è bella, come ho già detto non ci si accorge minimamente che ci possono essere dei volumi precedenti, ma questo non è un buon motivo per leggere solo l’ultimo pezzo della trilogia. Per questo motivo non sapevo se parlarvi di Luce perfetta o meno, perché comunque ho in mente di recuperare i primi due libri; poi ho deciso di farlo perché magari voi avete già letto Stirpe e Nel tempo di mezzo e vi può interessare sapere com’è questo.
Per me Fois è stato una scoperta: mi piace come scrive, mi piace – nello specifico in questo libro – il fatto che parte dal presente, quando il figlio di Maddalena entra in seminario, e poi torna indietro nel tempo per raccontarci da cosa è nato quel bambino che ora è un ragazzo.
Questo romanzo è stato, qualche mese fa, uno dei vincitori del Premio Mondello e adesso concorre al SuperMondello, che è una sorta di ulteriore spareggio tra i vincitori del Mondello. Nel frattempo, se non lo conoscete ancora, vi consiglio davvero questo autore e magari proprio questa trilogia, però dall’inizio, ché è meglio!

Titolo: Luce perfetta
Autore: Marcello Fois
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 2015
Pagine: 307
Prezzo: 20 €
Editore: Einaudi

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasvuota

Annunci

Un pensiero su “In breve: “Luce perfetta” (Trilogia dei Chironi vol. 3) di Marcello Fois

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...