Che ti racconto? | “I fatti di Owl Creek Bridge” di Ambrose Bierce

Ambrose Gwinnett Bierce (Horse Cave Creek, 24 giugno 1842 – …scomparso a Chihuahua l’11 gennaio 1914).

Dopo averci pensato tanto, mi sono decisa a creare una nuova categoria in cui parlare di racconti singoli, senza recensire intere raccolte: Che ti racconto?. Probabilmente non vi inserirò moltissimi post perché, come sapete, leggo più romanzi, ma è giusto segnalare racconti belli quando dovessi trovarne.
Oggi vi voglio parlare di Ambrose Bierce, un autore che ho scoperto qualche giorno fa, quando ho tradotto un suo lavoro per “Altri Animali“, il blog di Racconti edizioni (una casa editrice nata quest’anno che pubblica solo racconti e su cui potete leggere una bella intervista sul blog Scratchbook di Maria Di Biase). Bierce è stato uno scrittore e giornalista statunitense che scrisse tantissimi racconti, molti dei quali sono considerati i migliori del XIX secolo. Scrisse storie di guerra, di fantasmi e perfino poesie, ma il suo interesse più grande probabilmente fu il soprannaturale, il fantastico che irrompe nel quotidiano, da cui nacquero racconti macabri e dell’orrore.
E il mistero aleggia anche sulla sua morte, di cui davvero poco si sa: scomparve improvvisamente a 71 anni nel 1914 in Messico, dove si era recato come reporter un anno prima. Secondo una tradizione locale venne fucilato dagli uomini di Pancho Villa che lo consideravano una spia, secondo altri sarebbe morto in seguito alle ferite riportate in battaglia. Altri ancora ipotizzano che si sia suicidato.

an-occurrence

Immagine dal film del 1962 “La Rivière du hibou”

I fatti di Owl Creek Bridge (An occurrence at Owl Creek Bridge o A dead man’s dream) è un racconto del 1891 che parla di un uomo che sta per essere impiccato su un ponte e che mi è piaciuto molto soprattutto per il finale inaspettato. Da quello che ho letto in giro, pare sia il più bello di Ambrose Bierce, e oltre al fatto che sono state realizzate varie trasposizioni cinematografiche, è stato d’ispirazione per altri lavori molto famosi come Il miracolo segreto, racconto di Borges contenuto in Finzioni, e perfino il film Donnie Darko, che abbiamo visto in tanti. E credetemi che dopo aver letto questa short story capirete tutti i collegamenti con altre opere.
Adesso vi lascio al racconto, che su “Altri animali” è inserito nella rubrica “Il racconto del martedì”, una storia che potete leggere molto rapidamente. Io comunque approfondirò la conoscenza con Bierce perché è stato proprio una bella scoperta.

Come al solito, buona lettura!

Un uomo stava in piedi su un ponte ferroviario nell’Alabama del Nord, guardando l’acqua che scorreva veloce dieci metri sotto di lui. Le mani dell’uomo erano dietro la sua schiena, i polsi legati con una corda. Una fune gli stringeva forte il collo. Era agganciata a una solida trave sulla sua testa e il resto gli ricadeva indietro all’altezza delle ginocchia. Alcune tavole sconnesse poggiate sulle traversine che sorreggono le rotaie sostenevano lui e i suoi carnefici, due soldati semplici dell’esercito federale, comandati da un sergente che nella vita civile avrebbe potuto essere un vice sceriffo. A poca distanza, sulla stessa piattaforma provvisoria, c’era un ufficiale nell’uniforme del suo grado, armato. Era un capitano. Una sentinella a ogni estremità del ponte stava impalata…

… continua a leggere su “Altri Animali”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...