“La figlia sbagliata” di Raffaella Romagnolo

Riccarda è un nome orrendo, pensa. Da maschio.
Il nome di una che, come viene al mondo, è già sbagliata.

 

la-figlia-sbagliataQuando sei un lettore vorace non ti basta più un solo libro alla volta, quindi ne inizi sempre di nuovi e ti ritrovi ad averne tanti messi da parte e a dedicare un po’ di tempo ad ognuno di essi. Poi mettiamoci pure che a volte ci si trova immersi in letture di gruppo scandite da tappe; tappe che magari hai raggiunto in anticipo e pensi: ma non posso incastrare un libro piccolino in questi tre giorni che mi rimangono prima di iniziare la tappa successiva? Ebbene, questo è il motivo principale per cui qualche giorno fa ho letto La figlia sbagliata di Raffaella Romagnolo, edito da Frassinelli nel 2015 e candidato al Premio Strega 2016. Devo confessare che anche se non mi ha entusiasmato non è una cattiva lettura e che il vero senso di questo libro si riesce a cogliere più o meno dopo averne superato la prima metà.

La storia inizia quando Ines Banchero sta risistemando la cucina dopo aver cenato e suo marito Pietro Polizzi è seduto a tavola chinato sulla settimana enigmistica. Lei gli parla, ma lui come al solito non sembra essere molto preso dalle parole della moglie, solo che in quel particolare momento Pietro sta avendo un infarto e sta morendo. Ines ci mette un po’ prima di accorgersene, ma poi invece di chiamare aiuto o fare qualcosa decide di andarsene a dormire tranquilla. Non abbiate paura, questo non è il riassunto del libro, ma solo una premessa, gli avvenimenti narrati nel primo capitolo e da cui poi parte una serie di flashback e spiegazioni che ci aiuteranno a capire meglio perché Ines si sia comportata così.

Pietro e Ines sono sposati da quarantatré anni, ma sono insieme da quarantacinque, hanno avuto due figli, Vittorio e Riccarda, che hanno preso strade diverse e hanno fatto scelte non sempre approvate dai genitori. Vittorio è il figlio perfetto, bellissimo, sempre educato, bravo a scuola, primo ai campionati di nuoto, eccellente all’università e nel lavoro; Riccarda, invece, è tutto il contrario: ribelle, non bella come il fratello, in continuo contrasto soprattutto con la madre, desiderosa di fare teatro e di andare a vivere da un’altra parte (praticamente l’ha cresciuta la zia, più che i suoi). Se i due ragazzi hanno un legame fortissimo, speciale e ognuno è cosciente di cosa viva l’altro, il rapporto che hanno coi genitori è diverso per entrambi: Vittorio è letteralmente soffocato di attenzioni dalla madre che si occupa perfino di preparargli il pranzo del giorno dopo prima che lui vada al lavoro, mentre Riccarda viene continuamente criticata e abbandonata a se stessa. Il padre, Pietro, invece, è camionista, sempre in giro, e non c’è mai.

Quella che la Romagnolo ci descrive è l’infelicità di cui è pervasa la famiglia Polizzi: ognuno dei suoi membri vive la sua insoddisfazione in maniera diversa. Uno non si sente libero ma sempre legato alle attenzioni e alle aspettative di una madre troppo affettuosa, un’altra vorrebbe affetto ma affronta la vita da sola, uno non c’è mai, e un’altra si sente bloccata dalle convenzioni sociali e da un’esistenza che forse le sta stretta ma in cui non le è mancato quasi nulla. Fin dall’inizio la figura di Ines appare insopportabile, specie durante la descrizione dell’infanzia di Vittorio e Riccarda, quando adorava un figlio e lasciava da parte l’altra, la figlia sbagliata. Ma, come ho detto in precedenza, tutta la prima parte trova la sua spiegazione nella seconda, dopo un avvenimento tragico che coinvolge tutta la famiglia e che aiuta a capire meglio il comportamento di tutti i suoi membri.

La figlia sbagliata è il racconto di una famiglia e dei suoi legami: quello di un marito e una moglie che quasi non si parlano più ma continuano a vivere insieme perché così hanno sempre fatto; quello di una madre che dà troppo amore ad un figlio senza lasciarlo libero di vivere la propria vita come vorrebbe ma facendogli desiderare una libertà assoluta; quello di una madre che quasi non tollera la figlia e che non le dà lo stesso affetto che riserva al fratello.
Si tratta di un libro drammatico che però non mi ha coinvolta troppo, cioè non sono arrivata a lasciarmi trasportare dalla tristezza della famiglia Polizzi, a non staccarmi dalle pagine. Non si è rivelato abbastanza potente per me, ma sono stati in tanti ad osannarlo, quindi vale comunque la pena leggerlo.

Buona lettura!

Titolo: La figlia sbagliata
Autore: Raffaella Romagnolo
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 2015
Pagine: 170
Prezzo: 15 €
Editore: Frassinelli

Giudizio personale: spienaspienaspienasvuotasvuota


Raffaella Romagnolo, nata a Casale Monferrato nel 1971, vive a Rocca Grimalda con il marito. Ha scritto L’amante di città(Fratelli Frilli, 2007) e, per Piemme, La masnà (divenuto anche uno spettacolo teatrale) e Tutta questa vita (finalista al Premio Peradotto). http://www.raffaellaromagnolo.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...