Da “L’esilio dei moscerini danzanti giapponesi” di Marino Magliani

La nostalgia è il liquido che allaga le terre riarse, il dentrovivere che ci è concesso per riempirlo di nostalgia. Un organo, la pancia che cresce con gli anni. Guai se quel liquido raggiungesse altri organi e arrivasse agli occhi, si farebbe gelatinoso come le meduse, anche se ogni volta si proporrebbe come qualcosa di nuovo, perché i tessuti riarsi del dentrovivere non potrebbero assorbire la stessa nostalgia contenuta nel tempo. Sprofonderebbero. Invece ne contengono solo il ricordo, e assieme al ricordo la nostalgia del presente e quella del futuro, diceva Pereira.

[Marino Magliani, L’esilio dei moscerini danzanti giapponesi,
Exòrma, 2017,
173 pp., 14,50 €]

Annunci