Spifferi | Letizia Muratori | #BlogNotesMaggio

Anche quest’anno torna il Maggio dei Libri, un mese (dal 23 aprile al 31 maggio) interamente dedicato alla promozione della lettura in cui si vanno a inserire tantissime iniziative da parte di biblioteche, librerie, blog, scuole e chi più ne ha più ne metta. Io partecipo per la prima volta con questo blog e il motto dell’edizione 2018 è “Vogliamo leggere“. Vi proporrò un post diverso a settimana, sempre dedicato al Maggio dei Libri. Tutti i post relativi al gruppo di blogger di cui faccio parte in questa avventura li trovate con gli hashtag #maggiodeilibri e #BlogNotesMaggio, dato che siamo nella squadra di Laura de Il tè tostato che qualcuno di voi conoscerà anche per quanto riguarda #BlogNotes (infatti troverete tutto su questo blog).
Oggi, nella settimana in cui ricorre la giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore (ieri, 23 aprile) vi voglio presentare un libro molto bello che mi è capitato di leggere negli ultimi giorni.

Fino a qualche anno fa non leggevo racconti, poi ho deciso che era ora di cominciare e ho iniziato ad auto-educarmi a questa forma di letteratura più breve e a volte complessa, provando a conoscere prima gli autori maggiori e poi sperimentando anche quelli contemporanei. Ho scoperto moltissime cose belle e adesso non provo più quella difficoltà che avevo prima a staccarmi da una storia appena finita e cominciarne subito un’altra. Qualche giorno fa, quindi, ho letto in anteprima una raccolta che uscirà per La Nave di Teseo il 26 aprile, Spifferi di Letizia Muratori, e ho scoperto sei storie che mi hanno folgorata.

Ci sono vari tipi di racconti: quelli in cui l’autore ti dà poche informazioni e tu devi capire dai non detti tutto il resto, quelli in cui si narrano episodi più o meno verosimili, e tanti altri. Ma quelli che preferisco sono i racconti con il colpo di scena finale, quelli in cui ti viene raccontata una storia e alla fine tutte le tue certezze si ribaltano. Sono così quelli della Muratori, ed è per questo che mi hanno colpito così tanto: per il loro twist ending.
Sono storie che si svolgono in vari luoghi, a Roma, in America, in Toscana, e che hanno i protagonisti più disparati. C’è un molestatore telefonico che s’insinua nella quotidianità della famiglia di un dottore che lo aveva aiutato molti anni prima, c’è una coppia gay che ha a che fare con una madre surrogata che porta in grembo il bambino che i due adotteranno, ci sono stranieri che si trovano a vivere in Italia col rischio di essere dimenticati, o ancora un’antica villa in Toscana in cui, si dice, si aggiri lo spettro di un cane.

Nei racconti di Letizia Muratori c’è del mistero, ma non è sempre il punto di partenza. A volte l’autrice comincia a descrivere situazioni normali, verosimili, in cui poi s’insinua l’elemento disturbante che fa vacillare la sicurezza che il lettore ha acquisito fino a quel punto; altre volte è proprio l’opposto, si parte da qualcosa di apparentemente assurdo per arrivare a una spiegazione in fin dei conti normale. Dunque, mistero e realtà si confondono nel momento in cui da una finestra rimasta socchiusa entra uno spiffero d’irrealtà rappresentato da una medium, dal fantasma di una donna, o magari da quello di un bracco.

La Muratori, con uno stile fluido e a tratti ironico, ci racconta storie che ci lasciano col fiato sospeso fino all’ultima parola e che è davvero un piacere leggere. I suoi racconti sono abbastanza brevi e l’unico rischio che si corre è quello di divorarli troppo rapidamente.

Buona lettura!

Titolo: Spifferi
Autore: Letizia Muratori
Genere:
 Racconti
Anno di pubblicazione:
 26 aprile 2018
Pagine: 112
Prezzo:  17 €
Editore: La Nave di Teseo


Letizia Muratori è nata a Roma, dove vive e lavora. Nel 1995 si è laureata in Storia del teatro. Nel giugno del 2004 esordisce con il racconto Saro e Sara. Nel 2005 pubblica il suo primo romanzo, Tu non c’entri. Collabora con vari giornali e riviste. Ha pubblicato: La vita in comune (2007), La casa madre (2008), Il giorno dell’indipendenza (2009), Sole senza nessuno (2010), Come se niente fosse (2012) e Animali domestici (2016).


Vi segnalo i blog e i canali che si alterneranno per questa settimana, in collaborazione con #blognotesmaggio e #maggiodeilibri (hashtag checonviene seguire per rimanere informati e aggiornati):
Librangoloacuto che ha cominciato lunedì,
Selvaggia con il suo video martedì mattina,
martedì pomeriggio qui,
Angela Cannucciari sul blog di Simona di Letture Sconclusionate mercoledì mattina,
giovedì mattina siamo a casa de La leggivendola,
giovedì pomeriggio da Daniela da Appunti di una lettrice,
venerdì mattina tutti da Angela Cannucciari .
venerdì pomeriggio su LettureSconclusionate.
domenica sera chiudiamo la prima settimana con Paola Sabatini special guest su LettureSconclusionate.
Vi invito a seguire sui social tutti i blog e i canali che ho citato per rimanere aggiornati e in aggiunta vi segnalo anche il blog di #blognotes libri, il Tè tostato di Laura Ganzetti, Maria Di Cuonzo, Andrea di Un antidoto contro la solitudine, Diana di Non riesco a saziarmi di libri, Dada who?, Francesca de Gli amabili libri e Barbara Porretta di Librinvaligia.
Annunci