Eredità | Vigdis Hjorth

Perché lo facevo?
Cercavo l’abisso come se si trattasse di una pulsione,
che cosa c’era in me che non funzionava?

 

Un paio di giorni fa è uscito per Fazi Eredità, un romanzo dell’autrice norvegese Vigdis Hjorth, che è stato premiato come miglior libro dell’anno dai librai norvegesi ed è stato per mesi in cima alle classifiche di vendita. Con questo romanzo, osannato a livello internazionale, la Hjorth ha raggiunto la fama mondiale. Oggi possiamo leggerlo anche qui in Italia nella bella traduzione di Margherita Podestà Heir. 

La storia inizia con un testamento in cui si dice che alla morte dei genitori le due figlie minori erediteranno le due case sul Mare del Nord e gli altri due figli saranno esclusi. Bergljot, protagonista e voce narrante della storia, non ne fa un dramma, lei aveva già tagliato i ponti con la famiglia da tempo, da circa ventitré anni. Bård, invece, il fratello, la prende molto male e chiede alla sorella di unirsi a lui per rivendicare la propria parte di eredità, almeno per i loro figli. Nasce quindi un confronto infuocato tra loro due e le altre due sorelle (Astrid e Åsa) e la madre. 
Qual è il motivo di questo astio che vivono in famiglia da anni? Bergljot, quando aveva cinque anni, ha vissuto qualcosa di orribile che l’ha segnata per sempre, e anche a Bård in quel periodo è accaduto qualcosa, anche se una cosa diversa. Solo che Bergljot non ne ha parlato subito, lo ha detto dopo un po’ di tempo e la famiglia si è spaccata in due, perché solo il fratello l’ha creduta. Se Astrid, non prendendo esattamente parte ha cercato di mantenere i contatti con lei, Åsa non ha voluto saperne più niente. Ora che c’è quest’eredità da dividere torneranno a galla tutti i problemi che per anni erano stati messi da parte, e torneranno facendo ancora più male.

La narratrice ci spiega a poco a poco che cosa ha vissuto da piccola, non entra subito nel merito della questione. Attraverso il suo punto di vista noi che leggiamo riusciamo a sentire le sue emozioni, a sapere cosa prova, e soprattutto capiamo sempre di più le ragioni per cui si è allontanata dalla propria famiglia. All’inizio si sofferma molto su ciò che nella vita non è andato, il matrimonio col marito, l’interesse per un altro uomo, il rapporto con le sorelle, tutte cose che sono conseguenze di un trauma non compreso immediatamente ed elaborato più avanti negli anni. Poi, quasi parlando con se stessa, affronta il problema, torna all’evento che le ha rovinato l’esistenza, quella cosa che i suoi familiari non riescono neanche a pronunciare in maniera corretta, quasi come se non riuscissero proprio a concepire una tale mostruosità. Ogni loro azione, anzi, sembra che voglia negare ciò che Bergljot ha da dire, sembra che sia fatta per zittirla o ignorarla.
Ma perché un individuo arriva ad allontanarsi dalla propria famiglia? Da quello che in teoria dovrebbe sempre essere un nido, un rifugio, un’oasi di pace per tutti. Cosa può essere successo a Bergljot per decidere in maniera così drastica di non avere più contatti con chi l’ha messa al mondo? Lo si scopre piano piano e alla fine.

Non era possibile rimettere tutto a posto, era impossibile. Il vaso cade per terra una volta e incolli i cocci per rimetterlo insieme, il vaso cade per terra una seconda volta e incolli i cocci per rimetterlo insieme. Non è più così bello, ma in un certo modo funziona, ma quando cade per la terza volta e rimane polverizzato davanti ai tuoi piedi, vedi subito che ormai è da buttare, non lo si può più riparare. Era così. La famiglia era distrutta. La famiglia era persa

Devo dire che, se ho iniziato a leggerlo più lentamente, dalla metà in poi ho accelerato il mio ritmo senza neanche farci caso. Forse perché accelera anche quello della narrazione, si viene avvolti (e travolti) sempre di più dalla sofferenza della protagonista e la necessità di scoprire le cause della sua infelicità diventa pressante. 
Eredità è sicuramente un libro cupo, fa male, e l’autrice scava nel dolore di una donna che ha visto la propria vita sgretolarsi davanti ai suoi stessi occhi con la consapevolezza non solo di poterci fare niente, ma di non avere nemmeno il supporto e il conforto di chi ha il suo stesso sangue. Perché in tutte le famiglie esistono dei segreti, ma in alcune sono terribili.

Buona lettura!

Titolo: Eredità
Autore: Vigdis Hjorth
Traduttore: Margherita Podestà Heir
Genere: Romanzo
Data di pubblicazione: 21 maggio 2020
Pagine: 374
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi 


Vigdis Hjort – Nata a Oslo nel 1959, è una delle scrittrici norvegesi più conosciute e stimate. Ha esordito nel 1983 con Pelle-Ragnar i den gule gården, grazie al quale il Ministero della Cultura norvegese le ha attribuito il premio per il miglior romanzo d’esordio. Ha pubblicato più di trenta libri, fra cui una ventina di romanzi, conquistando i premi letterari più svariati. Eredità, vincitore del Norwegian Booksellers’ Prize e del Norwegian Critics Prize for Literature – i due principali riconoscimenti norvegesi –, è il romanzo con cui ha ottenuto la fama internazionale, rientrando nella rosa dei finalisti del National Book Award for Translated Literature nel 2019.