Una vita da ricostruire (Le sorelle del Ku’damm vol. 1) | Brigitte Riebe

«In fin dei conti sono cose,» pensò,
«che si possono riparare o sostituire.
Ora quel che conta siamo noi, le persone.»

 

Oggi vi voglio parlare di una delle uscite di Fazi della settimana scorsa. Si tratta del primo volume di una nuova saga tedesca che, se avete amato le ragazze di Carmen Korn, sono sicura vi piacerà molto come è successo a me. Una vita da ricostruire è l’inizio della trilogia de Le sorelle del Ku’damm di Brigitte Riebe, e come in parte suggerisce il titolo parla di rinascita e ricostruzione, nello specifico di quella che interessò la Germania, piegata e bombardata, alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Le protagoniste sono le ragazze Thalheim, famiglia che possedeva nel Ku’damm (una zona di Berlino) un grandissimo negozio di moda insieme a un socio ebreo che, però, prima che le cose si complicassero riuscì a fuggire negli Stati Uniti. I grandi magazzini sono stati quasi distrutti dai bombardamenti e la loro grande villa è stata requisita dai russi e poi dagli inglesi, però le Thalheim sono sopravvissute. Rike, la figlia maggiore di Friedrich, Silvie, la minore (il gemello Oskar è disperso), Claire, la seconda moglie dell’uomo con la figlia Florentine, decideranno di ricostruire piano piano la loro attività e cercare di tornare alla vita di prima.

Rike e Friedrich, con grande intelligenza, avevano nascosto una buona quantità di stoffe e sarà da lì che le nostre protagoniste vogliono ripartire, insieme all’aiuto di alcuni colleghi e amici, sopravvissuti anche loro, come Brahm, che si occupa dei tessuti, e Miriam, sarta e modista ebrea che incredibilmente è riuscita a nascondersi molto bene per tutto il tempo a Berlino. Ovviamente non sarà facile, le ragazze dovranno darsi da fare per trovare denaro e lo faranno raccogliendo le macerie per strada e per un po’ sopravviveranno con le tessere annonarie, ma sono determinate a farcela. Grazie alla determinazione di Rike, ma anche al fascino naturale di Silvie e all’intraprendenza di Flori e Miriam, i grandi magazzini Thalheim proveranno piano piano a tornare quelli di una volta e già dopo la prima sfilata – fatta appunto fra le macerie – le loro creazioni saranno sulla bocca di tutti. Anche se la vita riserverà loro grandi sorprese: gelosie, segreti mai confessati e importanti ritorni dal passato getteranno qualche ombra sulla loro quasi ritrovata felicità.

L’inizio di questa saga mi è piaciuto molto, soprattutto perché dalle vicende raccontate da Riebe emergono tanta luce e speranza. Nonostante la guerra abbia lasciato parecchi danni e abbia fatto molte vittime – non solo fra la popolazione ebraica, ma anche fra i tedeschi stessi – le protagoniste non vedono l’ora di ripartire, come a voler allontanare dagli occhi e dal cuore ciò che hanno vissuto. Soprattutto Rike, che sembra essere la vera figura centrale di questo romanzo, così coraggiosa, determinata e pronta a mettersi in gioco accettando un eventuale fallimento. È proprio la sua forza d’animo che trascina la famiglia in questa lotta per la ricostruzione delle proprie vite in una Berlino spenta e malridotta, descritta magistralmente dall’autrice.

Riebe è molto brava anche per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, per il modo in cui delinea perfettamente le loro personalità e ce li fa diventare familiari. Riusciamo a capire cosa provano, quali sono i loro turbamenti e cosa stanno affrontando con grande facilità. Questo anche grazie ai flashback disseminati qua e là per metterci al corrente del loro vissuto e quindi di cosa può aver portato alle vicende attuali.
Di certo, soprattutto in tempi come questi, è piacevole leggere una storia che parla di nuovi inizi, di coraggio e ricostruzione, del desiderio potente di voler tornare a vita che sia il più normale possibile. La famiglia Thalheim sembra di riuscirci, addirittura dopo una guerra, dei bombardamenti e la perdita di amici e conoscenti. Però stiamo a vedere cosa succederà in futuro, nel secondo volume che già aspetto con trepidazione.

Buona lettura!

Titolo: Una vita da ricostruire
Autore: Brigitte Riebe
Traduttore: Teresa Ciuffoletti e Nicola Vincenzoni
Genere: Romanzo
Data di pubblicazione: 18 marzo 2021
Pagine: 366
Prezzo: 17,50 €
Editore: Fazi


Brigitte Riebe – Ha conseguito un dottorato in Storia e successivamente ha lavorato come editor per una casa editrice. Ha pubblicato numerosi romanzi di grande successo, in cui ripercorre le vicende dei secoli passati. I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue. Vive con il marito a Monaco.

Pubblicità

Un pensiero su “Una vita da ricostruire (Le sorelle del Ku’damm vol. 1) | Brigitte Riebe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...