Talib, o la curiosità | Bruno Tosatti

«E tu perché hai comprato un elefante denutrito?»
«Perché devo portare una nuvola al drago della palude,
così poi posso sposare la principessa di Babilonia».
«Ed è bella, questa principessa?»
«Bellissima».

 

Talib, o la curiosità è il romanzo d’esordio di Bruno Tosatti (Roma, classe ’87) uscito per Tunué il 6 giugno. Si tratta di una storia particolarissima che vede come protagonista Talib, un lucidatore di pomelli alla corte di Babilonia che si è innamorato della principessa, la figlia del re, il quale però ha detto che la darà in sposa a colui che riuscirà a regalarle un diamante grande come la testa di un toro. Il ragazzo, quindi, parte alla ricerca di questa enorme pietra, ma dato che – come qualcuno gli fa notare – forse è più curioso che innamorato, viene sempre distratto da altri personaggi impegnati anch’essi nella loro ricerca personale di qualcosa: Azad, il meccanico, che cerca il suo golem, l’uomo di ferro; Miralem, un burocrate che cerca i Peruani per far pagare loro le tasse; mercanti sulle nuvole; un saltimbanco che segue un enorme lombrico nella speranza di raggiungere l’Eldorado; degli esploratori a caccia di una salamandra gigante; o ancora un drago. E ognuno di essi ha una propria storia che s’intreccia a quella di Talib, spesso senza concludersi (o meglio, senza concludersi qui).

Sembra che l’atmosfera sia quella tipica delle fiabe, ma sono tanti i generi che Tosatti mescola insieme, uno fra tutti quello scientifico: immagina un mondo costituito da quattro sfere concentriche con caratteristiche diverse (densità, forze di gravità), di cui spiega accuratamente il significato non solo nella nota finale ma anche nelle tantissime note a piè di pagina presenti all’interno del testo. In queste ultime, oltre ai tantissimi chiarimenti sulla struttura delle nuvole, delle sfere o su come i personaggi riescano a dissetarsi bevendo delle piccole meduse espulse da meduse giganti, vengono fornite al lettore spiegazioni su ciò che nella storia di Talib manca. Questa che leggiamo, infatti, ci dice il narratore/Tosatti, è solo la quarta di sette storie che fanno parte di un ciclo – Le sette sere di Babilonia – che un certo Autore ha raccontato nelle sette sere che precedevano il matrimonio della principessa di Babilonia (e che in un certo senso ricorda molto Le mille e una notte). Capita spesso che un personaggio appaia in più sere, motivo per cui spesso alcuni intrecci non vengono sviluppati perché la storia di uno viene approfondita forse in altre sere. Ma in fin dei conti non è questo che importa al lettore, quanto il modo in cui Talib riesca a muoversi in questo mondo sulle nuvole o in cui riesca anche a crescere attraverso la ricerca del diamante.

«Ti avevo detto “stai attento, perché i draghi sono creature ambigue e fanno richieste bizzarre”. E ora guardati: dovevi portare un diamante al re di Babilonia e invece stai andando tra le stelle».
«Può darsi» dice Talib «però –».
«A meno che» prosegue Gaspard «il tuo viaggio non sia guidato dalla curiosità, anziché dal sentimento».
«Ma no» fa Talib un pochino risentito «che dici? Io sono innamorato della principessa sul serio».
«Non ci sarebbe nulla di male» spiega allora Gaspard «la curiosità è l’inclinazione più nobile che l’uomo possegga. Ben più della capacità di amare».

Credo che sia facile perdersi un po’ fra tutte le note (anche se vi si trovano tantissime informazioni interessanti che arricchiscono la storia), si rischia di interrompere la lettura, ma un lettore attento saprà sicuramente destreggiarvisi. Mi sembra una prova narrativa molto interessante, soprattutto per essere un esordio, e colpisce il suo tono semiserio, l’ironia e il divertimento che si celano spesso dietro strutture rigide e spiegazioni pseudoscientifiche.
Talib, o la curiosità, finalista al Premio Calvino, ve lo consiglio se siete amanti del genere fantastico o, almeno, di quelle storie in cui fantastico e reale iniziano a confondersi fino a fondersi del tutto trasportando i lettori in un mondo di fiaba in cui ci si può aspettare di tutto. In questo senso devo confessarvi che fin dall’inizio mi ha ricordato un po’ la letteratura sudamericana. Comunque, oltre a storie fuori dagli schemi, in questo libro ci trovate tanto: citazioni e influenze nascoste, filosofia, mitologia e molto altro. Sta a voi fare attenzione.

Buona lettura!

Titolo: Talib, o la curiosità
Autore: Bruno Tosatti
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 6 giugno 2019
Pagine: 211
Prezzo: 17 €
Editore: Tunué

Annunci

L’anno nuovo | Juli Zeh

Parlano a lungo della memoria umana,
della coscienza e si domandano se la realtà
non sia altro che la somma di tutte le storie
che le persone raccontano costantemente a se stesse.

 

Dicono che la mente umana funzioni in maniera misteriosa, che sia un meccanismo incredibilmente perfetto ma che, allo stesso tempo, sia facilmente manipolabile. Alcuni studiosi pensano che i primi ricordi che abbiamo si basino su fotografie e racconti e che, addirittura, sia possibile produrre immagini mentali dal nulla mostrando a persone adulte istantanee di ciò che in realtà non hanno mai vissuto. Creare ricordi falsi, cioè. Però in qualche modo la verità rimane, o dovrebbe rimanere, nascosta in qualche cassettino della nostra mente, non viene eliminata del tutto, e spesso è alla base di comportamenti strani o disturbi mentali di qualche tipo che affliggono l’individuo che ha rimosso o volutamente accantonato gli eventi.

Henning, con la moglie Theresa e i figli Jonas e Bibbi, decide di partire da Gottinga per passare le vacanze di capodanno a Lanzarote, nelle Canarie. Affitta una casetta, si prepara a un cenone di capodanno un po’ fuori dagli schemi (riesce a prenotare solo per il primo turno in un grande albergo, alle 18, e la moglie sembra flirtare tutta la sera con un francese), e programma di fare tanto ciclismo, la sua passione. Del resto su Internet c’è scritto che Lanzarote è l’isola del ciclismo. Così un giorno prende la bicicletta e si avvia verso Femés, un villaggio lì vicino. Solo che a un certo punto, preso dai pensieri e dalla paura che ha degli attacchi di panico – che lui chiama LA COSA – che lo turbano, non si sente bene e si ritrova vicino a una casa che sembra disabitata. Lì per fortuna ci abita Lisa, una donna tedesca che lo soccorre offrendogli da bere, da mangiare e un po’ di riposo. Lisa ama dipingere le pietre, esattamente come faceva la madre di Henning, e in quel momento è sola perché il marito è andato a passare le vacanze in Germania. Mentre chiacchierano, lei decide di fargli vedere quella casa che tanto ama, il posto più bello del mondo, ma all’improvviso Henning ha come un’illuminazione: non è la prima volta che si trova lì, quando ci è già stato? E perché non se lo ricordava?

Questa è la storia che ci racconta Juli Zeh – che ha avuto molto successo di recente con Turbine – nel suo nuovo romanzo, L’anno nuovo, che trovate in libreria da oggi per Fazi editore. È un libro che, confesso, mi ha incuriosito moltissimo perché m’interessano in particolar modo le storie in cui è coinvolta la mente umana. Quello che accade nella nostra testa mi affascina molto perché nonostante pensiamo che il cervello sia una macchina perfetta molto spesso succede qualcosa che sembra inspiegabile.

Henning non vuole logorare la propria famiglia con le sue nevrosi. Vuole essere un uomo che valga la pena amare. Vuole ridere di più, fare battute, relegare a uno spazio minuscolo le piccole catastrofi quotidiane. Vuole abbracciare Theresa più spesso, perdere meno le staffe con i bambini, uscire di più e vedere gli amici. Non può essere così difficile.

Henning è una di quelle persone che apparentemente non hanno alcun problema: ha un’ottima moglie, due figli bellissimi, un lavoro in casa editrice che, seppure per mezza giornata, non gli fa mancare nulla. Però sembra che questi ruoli gli stiano stretti, certe volte vorrebbe non provare tutta quella fatica, litiga con Theresa e sente dei moti di rabbia perfino verso la figlia piccola, Bibbi. È come se tutto il suo mondo si restringesse sempre di più fino a stritolarlo, trema, vorrebbe sparire. E di questi attacchi di panico in un primo momento non parla alla moglie, non ci riesce. È proprio il breve soggiorno nell’isoletta che gli permette – senza che lui se ne renda conto – di scavare dentro se stesso per capire la causa del suo problema. Per ricordare quell’episodio che gli era quasi costato la vita e che per vari motivi il suo cervello aveva accantonato.

Femés [Fonte: Lanzarote retreats]

Da lì parte un lunghissimo flashback in cui veniamo a sapere cosa è successo in quella stessa casa molti anni prima, un ricordo, venuto fuori grazie a un déjà-vu, che fa precipitare il lettore all’interno di un vortice di sensazioni terribili. La penna di Juli Zeh riesce a rendere perfettamente la paura e l’ansia che può provare un bambino che si rende conto di avere addosso il peso di una situazione difficile e la responsabilità di una sorellina di due anni. Ansia e paura aumentano sempre di più, man mano che Henning ricorda, fino a diventare terrore e disperazione che devono per forza sfociare in qualcosa di più grande. Ed è proprio questo che, quando la narrazione torna al momento presente, fa sì che quell’isola così bella e serena da paradiso si trasformi in un attimo in una specie di inferno.

Curiosi?
Buona lettura!

Titolo: L’anno nuovo
Autore: Juli Zeh
Traduttore: Madeira Giacci
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 27 giugno 2019
Pagine: 178
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi

Avviso di chiamata | Delia Ephron

«Da quando hai l’avviso di chiamata?».
«Da mesi».
«Mesi?».
«Ce l’hanno tutti. Non ti sei accorta che quando chiami
qualcuno non trovi mai occupato?
Il segnale di occupato è praticamente obsoleto.
Dio mio, Eve, ma su quale pianeta vivi?».

 

Per quanto mi riguarda il telefono è uno strumento di cui farei volentieri a meno, detesto sentirlo squillare e non mi piace per niente ricevere o fare telefonate. Faccio un’eccezione per i messaggi, che vedo come una forma di comunicazione più rilassata e meno urgente. Immaginate dunque che prova di coraggio sia stato per me leggere un romanzo quasi completamente basato su gente che si telefona di continuo e che, anzi, usa l’avviso di chiamata per interrompere le telefonate altrui. Sì, perché in Avviso di chiamata, il nuovo libro di Delia Ephron che esce oggi per Fazi, la protagonista Eve Mozell passa moltissimo tempo al telefono coi suoi familiari. Lei ha quarantaquattro anni, vive a Los Angeles e si occupa di organizzare eventi; è sposata, ha un figlio adolescente che le dà qualche preoccupazione (ha anche fatto un piccolo incidente) e un padre ricoverato al reparto di psichiatria geriatrica. Lou è ormai anziano, ma quando era giovane era uno sceneggiatore famoso; la testa non gli ha mai funzionato troppo bene, in più beveva, aveva episodi depressivi o voleva sposare ogni donna che gli si avvicinava. Anche per questo la moglie un giorno se n’è andata, lasciando ad occuparsi di lui Eve e le sue sorelle: Georgia, la maggiore, direttrice di una rivista di moda, e Maddy, la più piccola, che è un’attrice ma viene licenziata dalla soap a cui lavora perché è rimasta incinta.

In questa famiglia fuori dagli schemi, Eve trova spesso – ma non sempre – conforto nelle telefonate con le sue sorelle, con cui si sfoga per i problemi che ha a casa, per quelli che le dà il padre (sembra essere lei ad occuparsene sempre, mentre Georgia e Maddy sono più distanti) e anche per il lavoro. In più c’è anche suo padre che quando gli gira alza la cornetta e la chiama, anche più volte di seguito per dirle sempre la stessa cosa.

Dal film “Avviso di chiamata” (Hanging up), Diane Keaton, Meg Ryan e Lisa Kudrow

La materia per questo romanzo Delia Ephron la trova nella sua famiglia: entrambi i suoi genitori erano sceneggiatori e alcolisti (la madre è morta proprio di cirrosi), ha avuto tre sorelle di cui una più brillante di tutte, con cui la competizione è stata forte. Si tratta proprio di Nora Ephron, famosa sceneggiatrice e regista scomparsa nel 2012, con la quale, tra l’altro, ha lavorato a un adattamento cinematografico di questo romanzo (2000), con Diane Keaton, Meg Ryan, Lisa Kudrow e Walter Matthau. Come accade a Delia nella realtà, anche per Eve (e Maddy) è difficile conciliare l’affetto che prova per Georgia come sorella con quel sentimento di rivalità che in gran parte le trasmette il padre, il quale non fa altro che sottolineare quanto la maggiore delle sue figlie sia in gamba, quanto sia all’apice della carriera, quanto sia una donna di successo. Ma l’autrice racconta quello che potrebbe essere spinoso con grande ironia, rendendo il romanzo anche molto divertente.

Tra un flashback e l’altro, in cui conosciamo eventi passati della famiglia Mozell, per capire anche quelli presenti, il ritmo è spesso scandito dall’arrivo di queste telefonate che interrompono la narrazione oppure la accelerano all’improvviso.
Avviso di chiamata è il racconto di relazioni familiari per nulla semplici, ma spesso problematiche: ognuno sembra completamente assorbito dalla sua vita, ma in fin dei conti riesce sempre ad esserci per gli altri. Fra loro c’è sempre il telefono, strumento allo stesso tempo disturbante e confortante: se la maggior parte delle volte rappresenta una sorta di collante fra persone che vivono anche distanti l’una dall’altra, è anche vero che queste telefonate continue fanno spesso perdere il filo dei ragionamenti o dei dialoghi ai personaggi stessi; anzi, è anche il mezzo attraverso cui entrano nella vita di Eve due personaggi, il dottor Kunundar (l’uomo con cui suo figlio ha fatto un incidente) e sua madre, che avranno una funzione importante nella vicenda.

Buona lettura!

Titolo: Avviso di chiamata
Autore: Delia Ephron
Traduttore: Enrica Budetta
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 20 giugno 2019
Pagine: 334
Prezzo: 17,50 €
Editore: Fazi


Delia Ephron – Romanziera, sceneggiatrice, drammaturga e giornalista americana, è nata a New York nel 1944. È la sorella della più nota Nora Ephron, con la quale ha collaborato a diversi progetti, fra cui il film C’è posta per te. Fazi Editore ha pubblicato Siracusa nel 2018.

Il romanzo dell’anno | Giorgio Biferali

E io?
Ma io che ne so io com’è che si vive
in un mondo dove tu non ci sei.

 

È vero che al giorno d’oggi di lettere se ne scrivono poche, men che mai lettere d’amore. Giorgio Biferali, nel suo ultimo romanzo uscito il 23 maggio per La nave di Teseo, Il romanzo dell’anno, ne scrive una lunghissima per raccontarci la storia di due ragazzi innamorati che la vita, con violenza, ha separato ma non del tutto. Nella notte di capodanno fra il 2015 e il 2016, infatti, Niccolò e Livia litigano, lei decide di andarsene via sul suo motorino ma scivola sui sampietrini di Roma e finisce in coma. A giugno lui decide di prendere il computer di Livia e di scriverle tutto quello che pensa, prova e vive mentre lei non c’è, nella speranza che poi lei possa svegliarsi e sapere da questo “romanzo” che cosa è successo quell’anno (da qui il titolo).

Lo sai come si fa a elaborare il lutto secondo quelli che s’imbucano per fare pubblicità ai privati? Bisogna esprimere tutte le emozioni possibili, bisogna come cercare dentro di sé per ritrovarle tutte, le emozioni possibili, una per una, poi bisogna andare al cimitero, per prendere contatto con la realtà delle cose, ringraziare chi non c’è più per tutto quello che ci ha dato quando era in vita e, indovina, cose da pazzi, bisognerebbe scrivergli una lettera.

Niccolò in teoria fa un lavoro allegro, è responsabile del palinsesto per un’emittente televisiva che trasmette sit-com; ha perso entrambi i genitori da diversi anni e vive col fratello più piccolo Tommaso in un appartamento attiguo a quello dei nonni. Di Livia si è innamorato fin dal primo momento in cui l’ha vista, al primo appuntamento, sembra non poter vivere senza di lei e quindi decide di continuare a parlarle anche quando lei non può sentirlo, attraverso una testimonianza scritta degli accadimenti del 2016 e delle sue giornate, nello specifico nei mesi di giugno, luglio, settembre e dicembre. Le racconta così dei giorni in cui Tommaso sparisce, della vittoria di Trump, dell’omicidio di Giulio Regeni, dell’incidente a Tarragona dove sono morte tante ragazze italiane che erano lì in Erasmus, della Brexit, dell terremoto di Amatrice, della vacanza improvvisata che fa coi suoi amici, di quell’amico che si fidanza con una conosciuta su Tinder e tanto altro. Non dimentica niente, men che mai di ricordarle continuamente quanto la ama e quanto gli manchi.

Stare con te è come stare con me stesso quando sono di buon umore.

L’idea per questo libro viene a Biferali forse leggendo Il romanzo di Talbott di Palahniuk o guardando The Big Sick, un film dove lei finisce in coma e lui non si ricorda più come essere felice, ma è quando compra dei taccuini e inizia a segnarsi giorno per giorno gli eventi del 2016 che la storia prende forma e, anzi, è quasi come se si fosse scritta da sola. Ma ne Il romanzo dell’anno c’è tanto altro, c’è tutto quello che all’autore (giovanissimo, classe ’88) è venuto in mente e che ha voluto far dire al suo personaggio. È una lunga lettera molto dolce a tratti ma mai melensa dietro cui si cela una riflessione sul tempo, su come lo passiamo, su quante cose riusciamo a concentrare in quello che abbiamo a disposizione e su quanto in realtà manca nelle nostre giornate. Per Niccolò quello che manca è Livia, tutto il resto passa in secondo piano, tutto il resto lei se lo sta perdendo e chissà se lo scoprirà mai.

Da quando ti ho conosciuto, non mi è mai passata la voglia di raccontarti le cose. Anzi, a volte ho pensato che le cose esistessero proprio per questo, perché io potessi raccontarle a te. E adesso? Come faccio? Nel mondo, per me, ci sei sempre stata tu da una parte, le cose che vedo senza di te e mi viene subito l’istinto di chiamarti o di scriverti per chiederti Amore, posso chiamarti? E poi ci sono tutti gli altri, che mi chiedono come va e come non va, e adesso che è più come non va non me lo chiedono quasi più, gli altri cui rispondo sempre un po’ così, tanto a loro sta bene, li fa sentire tranquilli, gli dico Tutto bene, poi ti racconto. Poi ti racconto, sì, anche se poi non lo faccio mai.

Con una scrittura sicura e semplice, che molto spesso ricorda il parlato come se stessimo assistendo a una conversazione, Biferali ci racconta una storia amara ma da cui traspare molta speranza per il futuro. Gli spunti di riflessione sono tantissimi e li troviamo anche nelle tante domande che Niccolò si appunta per Livia: potresti innamorarti di una persona che non hai mai visto? se sparisse, sapresti ritrovare una persona che ami? l’amore è più forte della paura di morire? è vero che nulla succede per caso?
Ma la parte più sorprendente è sicuramente l’epilogo, di cui per ovvi motivi non vi posso svelare nulla.
Buona lettura!

Titolo: Il romanzo dell’anno
Autore: Giorgio Biferali
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 23 maggio 2019
Pagine: 217
Prezzo: 17 €
Editore: La nave di Teseo


Giorgio Biferali è nato a Roma nel 1988. Ha pubblicato A Roma con Nanni Moretti (2016), una sorta di diario di viaggio scritto insieme a Paolo Di Paolo e tradotto in Francia; il racconto illustrato Italo Calvino. Lo scoiattolo della penna (2017); il suo romanzo d’esordio, L’amore a vent’anni (2018), presentato al Premio Strega. Collabora con quotidiani e riviste culturali, dove si occupa principalmente di cultura pop. Insegna Italiano e Storia in un liceo.

La straniera | Claudia Durastanti

La straniera è un romanzo di Claudia Durastanti pubblicato lo scorso febbraio da La nave di Teseo. Quella che l’autrice racconta è la sua storia familiare, che parte da quando i suoi genitori s’incontrano: la madre dice di aver salvato il padre, e il padre dice di essere stato lui a salvare lei. Sono entrambi non udenti e probabilmente è questa la cosa più importante che li unisce, dato che dopo diversi anni si separano e Claudia e il fratello si trovano in mezzo, a provare a farli andare d’accordo. La narratrice-protagonista è una straniera perché vive viaggiando avanti e indietro dall’America alla Basilicata o con dei soggiorni all’estero, ma è straniera anche la madre con la sua disabilità, anche se prova in tutti i modi a far finta che non ci sia, sono stranieri pure tutti gli altri membri della famiglia. Quella della Durastanti è una storia che si svolge col susseguirsi delle generazioni, e quello che colpisce di più non è tanto la trama quanto lo stile dell’autrice, così ricercato e allo stesso tempo semplice e sicuro di sé, disinvolto – questo è il suo punto forte, a mio parere.
Ve ne ho parlato brevemente perché questa volta ho preferito lasciarvi uno stralcio, in modo che possiate essere voi poi a scoprire la bellezza del romanzo che vi sto consigliando oggi.

Buona lettura!

Viviamo circondati da narrative di salvezza, sia quando siamo molto felici, sia quando non lo siamo. I terapeuti, gli amici, i familiari, chiunque abbiamo incontrato in questi anni ci ha ribadito a lungo cosa era sano e cosa no. Suggestionati, abbiamo cercato sul vocabolario cos’è la co-dipendenza, cos’è la simbiosi, come si affronta la necessaria ricerca dell’autonomia, abbiamo studiato tutta la tassonomia dell’amore secondo il DSM, e la conclusione che ne abbiamo tratto dal DSM è che nessuno dovrebbe mai amarsi, perché non c’è un modo di farlo bene.
È come i licheni che vengono confusi con un organismo solo, ma in realtà sono due: un’alga e un fungo. La simbiosi vegetale viene accolta come un miracolo della natura, quella tra esseri umani come una colpa, o qualcosa di cui vergognarsi, che denuncia uno stato arretrato dell’essere. Abbiamo provato a separarci e contempliamo sempre la fine, lo facciamo dal primo giorno. Da sempre, l’idea della fine aiuta a tenerci insieme, le dedichiamo conversazioni appassionate e di fantascienza, in cui immaginiamo la vita dell’uno senza l’altro.

Titolo: La straniera
Autore: Claudia Durastanti
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: febbraio 2019
Pagine: 285
Prezzo: 18 €
Editore: La nave di Teseo

La misura imperfetta del tempo | Monica Coppola

Quel giorno aveva capito che ci sono cose
che non puoi cambiare, anche se ci provi.
E l’unico modo che hai per sopravvivere
è provare a far finta che non esistano più.

 

La misura imperfetta del tempo è un romanzo di Monica Coppola uscito il 16 maggio, una delle ultime novità della casa editrice torinese Las Vegas edizioni. Le protagoniste sono tre donne di tre generazioni diverse: Mia ha ventidue anni, è cresciuta nella periferia torinese coi nonni materni e lavora in un ipermercato, è una ragazza insicura che sente su di sé la responsabilità del mondo e soprattutto quella di prendersi cura di Zita, la nonna, che invece è una donna vivace, allegra, che a volte si sente un po’ soffocata dalle attenzioni della nipote. Poi c’è Lara, la madre di Mia, che da tanti anni ormai vive a Milano, dove dirige un famoso negozio di intimo e in famiglia si fa sentire o vedere di rado; dopo essersi bruciata con un amore passato, ha deciso di non aprire più il suo cuore a nessuno e passa il suo tempo con uomini conosciuti su app d’incontri, relazioni usa e getta per niente impegnative. Da circa sei mesi però è venuto a mancare Tore, il nonno, padre di Lara, e Mia ha organizzato per Zita, ormai vedova, una gitarella ad Abano, un viaggetto organizzato per coccolarsi un po’. La nonna da quel viaggio torna cambiata, più allegra e svampita, più sicura di sé, ma soprattutto, dopo qualche comportamento strano, rivela di essersi innamorata e di stare con un uomo conosciuto durante la gita. Mia è allarmata, la angustia il pensiero che la nonna stia sostituendo Tore, si preoccupa che ci sia dell’altro sotto e avvisa Lara, che in un primo momento fa spallucce, ma poi sente rinascere il legame familiare e parte per Torino.

Nella loro famiglia ci sono alcuni punti oscuri, verità che non solo il lettore ignora, ma che a quanto pare conosce solo Lara: perché è voluta scappare via da Torino? Chi è il padre di Mia? Tutti le hanno sempre dato della poco di buono, per molti era quella facile, quella che ci stava e che a vent’anni è rimasta incinta di chissà chi e che non aveva nemmeno un istinto materno tale da prendersi cura della bambina che poi è nata. Mia ha sentito molto la mancanza di un padre e della madre, coccolata dai nonni da piccola è poi cresciuta e ha preso coscienza della sua vita; i riccioli che aveva da bambina li ha costretti e fatti avvizzire nei dreads, vive in un appartamento minuscolo in un quartiere orrendo, si accontenta di un lavoro che non le dà niente, vuole avere il controllo su Zita e, come le fa notare il suo migliore amico Andrea, sembra non avere una vita al di fuori di tutto ciò.
Ma, com’è scritto sulla copertina del romanzo, tutto invecchia, tranne la verità, e questa verità verrà finalmente a galla poco prima delle nozze di Zita e Santo.

Adesso hai tutte le pagine della tua storia. Decidi tu come andare avanti.

Mia, Lara e Zita, sono tre figure di donne molto diverse ma dai caratteri ben delineati. Forse Lara è quella che sembra avere più ombre, anche se da qualche flashback si capisce che nel suo passato c’è più di un trauma. Noi non sappiamo fin dall’inizio cosa ha dovuto passare, ma man mano che Monica Coppola procede con la narrazione troviamo vari pezzetti di un puzzle che insieme ai suoi personaggi dobbiamo ricostruire. Lara apparentemente è fredda, interessata solo al suo lavoro, alla sua linea e al suo aspetto, che deve essere sempre impeccabile. Ma perché è diventata così? Che significa quel prurito al collo che la angustia in determinate situazioni? Assomiglia molto al “codice morso” di Mia, quel crampo allo stomaco che sente la ragazza quando avverte di essere in difficoltà. L’autrice è molto brava, anche quando non entra troppo a fondo nella mente delle tre donne, a farci comprendere cosa provano, le descrive nei loro piccoli comportamenti, quasi dei tic, che le caratterizzano e che sono indizi di sentimenti, stati d’animo.

La vita continua, Mia. Anche quando non ne hai voglia. Se resti immobile ti passa sopra, ti schiaccia. Devi andare avanti.

La misura imperfetta del tempo è un romanzo familiare non scontato né banale che procede piano piano, si entra nella storia lentamente e ogni elemento viene introdotto al momento giusto. È anche un’interessante riflessione sul tempo, su come i segreti non finiscano mai in un buco nero ma, anzi, non vengano dimenticati e col passare degli anni possano essere svelati; le verità più a lungo vengono taciute e più diventano pesanti, pesanti al punto tale che sembra che l’universo intero collabori per ritrovare la leggerezza e poter chiudere capitoli aperti da troppi anni. Ma non ci sono solo drammi, la Coppola spesso alleggerisce la storia con grande ironia.
Buona lettura!

Titolo: La misura imperfetta del tempo
Autore: Monica Coppola
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 16 maggio 2019
Pagine: 221
Prezzo: 14 €
Editore: Las Vegas


Monica Coppola è nata nel 1974 a Torino. Ha pubblicato i romanzi Viola, vertigini e vaniglia (BookSalad, 2015) e La misura imperfetta del tempo (Las Vegas edizioni, 2019).
Ha curato l’antologia “Dai un morso a chi vuoi tu” (BookSalad, 2016). Ha scritto racconti per “La Repubblica – L’Espresso” e “Carie”, e collaborato con il blog di “Vanity Fair”. Si occupa di marketing e formazione.

Elizabeth Jane Howard. Un’innocenza pericolosa | Artemis Cooper

Non poteva liberarsi della sensazione
che stare da sola fosse la prova di un fallimento,
della propria incapacità di far funzionare un rapporto d’amore,
indipendentemente da quanto spesso ci provasse.

 

Più volte ho ammesso di essere una grande fan di Elizabeth Jane Howard e soprattutto della sua fortunatissima saga dei Cazalet e per questo motivo, dopo molto tempo, ho deciso di leggere la biografia dell’autrice a cura di Artemis Cooper che Fazi ha pubblicato qualche anno fa e che ho ricevuto in regalo nello scorso Secret Santa organizzato da un gruppo di lettura che seguo. Quando uno scrittore ti piace così tanto è interessante conoscerlo meglio, capire come è arrivato a scrivere quello a cui ti sei appassionato, capire quanto c’è di quell’autore nei suoi personaggi, nelle sue storie e nella sua produzione in generale. È esattamente questo, infatti, che è accaduto leggendo Un’innocenza pericolosa, il racconto delle vicende personali di Jane Howard: ho scoperto ad esempio che le tre primogenite dei Cazalet, Louise, Polly e Clary sono tre sfaccettature della personalità dell’autrice: quella più libera e artistica, quella più legata alla casa e agli affetti, e la scrittrice sognatrice; ho scoperto che Viola Cazalet è Kit Somervell, la madre di Jane, ex ballerina che abbandona il sogno di una vita a favore del matrimonio e della famiglia; ho scoperto che Edward Cazalet è David, il padre di Jane, così confuso dalla figlia che cresce da arrivare a metterle le mani addosso. Ma non solo la saga, una parte di lei è anche in Cressy di All’ombra di Julius, anche gli altri romanzi sono basati molto sull’esperienza personale della Howard, su tutto quello che le è accaduto durante la sua lunga vita.

È stata una donna che emanava fascino ovunque andasse, gli uomini si innamoravano di lei al primo sguardo, intorno a lei gravitavano personalità di rilievo nell’ambito della cultura, poteva avere tutto ciò che voleva, eppure ha vissuto una vita all’insegna dell’infelicità. Si è sposata tre volte, l’ultima delle quali con Kingsley Amis (Martin, il suo figliastro è diventato ciò che è oggi proprio grazie a lei che si è interessata alla sua istruzione, e lo scrive in un articolo sul Mail on Sunday dopo la sua morte), ha avuto altre relazioni anche con uomini sposati che non l’hanno mai messa in cima alle loro priorità, non ha mai incontrato qualcuno che accettasse ogni parte di lei o che almeno, a lungo andare non se ne stancasse. È stata perfino vittima, ormai anziana, di un matto che l’ha sedotta facendole credere di essere tutt’altra persona. E nonostante tutti i problemi che ha avuto nei rapporti con i familiari e nelle relazioni amorose, stupisce quanto invece nei libri riesca ad essere lucida e a descrivere in maniera perfetta certe dinamiche sentimentali: di certo aveva una sensibilità spiccata, ma di fatto forse era più brava nella teoria che nella pratica.

Quando ho cominciato a fare le ricerche per questo libro, c’era sempre una domanda che continuavo a pormi: una donna che scrive così bene dell’amore e dell’inganno, e che nei propri romanzi coglie con tanta lucidità le motivazioni dei personaggi, come può commettere tanti errori nella sua vita personale? Adesso capisco che questa domanda metteva il carro davanti ai buoi. Era il suo vivere con questa estrema intensità emotiva; il suo buttarsi a capofitto nelle situazioni senza valutarne i rischi; il suo non riuscire a controllare la propria immaginazione impulsiva: tutto ciò faceva di Jane la romanziera che era.

Elizabeth Jane Howard è morta nel 2014, ma ci ha lasciato moltissimi romanzi, alcuni dei quali abbiamo letto, altri invece li scopriremo piano piano (mi è giunta voce che stiano lavorando a una sua nuova traduzione, io devo ancora recuperare Il lungo sguardo). Una cosa sicura è che è stata sottovalutata per molto tempo, la cosa più semplice che accada a una come lei è essere scambiata per “la donna che scrive romanzi da donne” quando invece si tratta di una persona che ha un particolare talento per l’introspezione e, invece di scrivere romanzi che abbiano la Storia al centro di tutto, si dedica a scrivere libri in cui al centro ci sono delle persone e il modo in cui reagiscono alla Storia e al cambiamento. Era una donna che voleva un giardino curato e una casa sempre piena di ospiti, non voleva stare da sola, perché forse, nonostante fosse una donna alta, imponente e un personaggio culturalmente importante, non è mai riuscita a sentirsi così forte da non appoggiarsi a nessuno, da non sentire il bisogno di essere amata per esistere.

Questi sono solo alcuni dei motivi per approfondire una figura così importante e affascinante, e il libro non appare affatto come un mucchio di testimonianze e appunti affastellati uno sull’altro, ma sembra proprio il romanzo della vita di Jane Howard. Se poi avete già letto qualcosa di suo, oltre ai suoi libri inizierete ad amare anche lei.
Buona lettura!

Titolo: Elizabeth Jane Howard. Un’innocenza pericolosa
Autore: Artemis Cooper
Traduttore: Franca Di Muzio e Nazzareno Mataldi
Genere: Biografia
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 457
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi


Artemis Cooper – È autrice di diversi libri, fra cui Cairo in the War, 1939-1945, Writing at the Kitchen Table: The Authorized Bio- graphy of Elizabeth David e, più di recente, Patrick Leigh Fermor: An Adventure. Con il marito, Antony Beevor, ha scritto Paris After the Liberation, 1944-1949. Ha curato due raccolte di lettere oltre a Words of Mercury, un’antologia dell’opera di Patrick Leigh Fermor; e, con Colin Thubron, ha curato The Broken Road, volume conclusivo della trilogia europea di Fermor.