#LeggoNobel | “Razza di zingaro” di Dario Fo

Lunedì 6 marzo con il gruppo di #LeggoNobel ci siamo dedicati alla lettura di un libro veramente breve di un autore italiano, Dario Fo, scomparso lo scorso anno ma ricordato soprattutto per il teatro, tanto che molta gente non sa che ha scritto anche altre cose. Noi siamo andati a trovare un romanzo piccolo piccolo, Razza di zingaro, in cui si racconta in maniera un po’ teatrale la storia di un personaggio realmente esistito, Johann Trollmann, un pugile tedesco nato da una famiglia di origini sinti (un’etnia nomade europea, i cui membri vengono spesso definiti, anche nel libro, zingari). Johann, detto Rukelie (l’albero) per la sua bellezza e il suo fisico, divenne famoso intorno alla fine degli anni Venti per il suo stile nel combattimento: faceva dei movimenti brevi, era molto rapido e durante gli incontri sembrava che danzasse (cosa che si ritroverà molti anni dopo anche in Muhammad Ali). Questo ragazzo – e lo chiamiamo ragazzo perché non raggiunse nemmeno i quarant’anni – ebbe la grande sfortuna di nascere e vivere nel periodo sbagliato, quello della prima guerra mondiale e anche della seconda, divenendo anche oggetto della persecuzione nazista.

Johann innanzitutto, nonostante fosse famoso, non riuscì mai a vincere i campionati importanti, perché era uno zingaro, ma il nazismo incise molto anche sulla sua vita: tra le altre cose fu costretto a divorziare dalla moglie perché questa potesse cambiare cognome, si dovette sottoporre alla sterilizzazione, e infine fu deportato al campo di Neuengamme, nei pressi di Amburgo, dove tutti lo conoscevano e lo facevano combattere contro le guardie nonostante fosse stremato e malato.

Dario Fo (Sangiano, 24 marzo 1926 – Milano, 13 ottobre 2016)

Quella di Rukelie è una storia forte, che è stata raccontata anche da altri autori, ma di cui, personalmente, non sapevo nulla. Lo stile di Fo romanziere è asciutto, senza orpelli, e ha anche un taglio teatrale: è pieno di dialoghi, rapidi e fitti. Se di positivo c’è che si ha l’impressione di trovarsi nella scena coi personaggi e vivere la storia insieme a loro, il lato negativo è che si può un po’ perdere il filo e stancarsi. Ad ogni modo, il libro scorre e si legge facilmente.
Razza di zingaro va a inserirsi nella collana Narrazioni dell’editore Chiarelettere, una collana che raccoglie storie vere narrate da autori di un certo livello. Dario Fo, nello specifico, in questo libro uscito nel 2016, ha scelto di seguire la vita di Johann Trollman dagli 8 ai 36 anni, raccontandoci di come sia nata la passione per li pugilato, di come fosse bello e le ragazze fossero impazzite per lui, di come fossero le famiglie sinti e di come dovette destreggiarsi per sopravvivere durante il regime nazista. Ma l’autore non si limita a narrare. Fo, versatile com’era, ha pensato di inserire nel libro alcune illustrazioni realizzate da lui, disegni molto belli (spesso quasi abbozzati) che rappresentano pugili nell’atto di combattere ma non solo.

Johann Wilhelm Trollmann (Wilsche, 27 dicembre 1907 – Neuengamme, 9 febbraio 1943)

Per quanto mi riguarda, sono partita con poche aspettative su questo libro, ma confesso che mi ha stupito. Non mi aspettavo una storia del genere perché, come ho già detto, non conoscevo il protagonista e le sue vicende. Ve lo consiglio!

(Dal 10 aprile inizieremo la lettura di Sconosciute di Patrick Modiano. Ci trovate qui: https://www.facebook.com/groups/leggonobel/)

Titolo: Razza di zingaro
Autore: Dario Fo
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 2016
Pagine: 160
Prezzo: 16,90 €
Editore: Chiarelettere

Giudizio personale: spienaspienaspienaspiena

#LeggoNobel | “L’urlo e il furore” di William Faulkner

(La vita) «… racconto detto da un idiota, pieno di urlo e di furore,
che non significa nulla.»

(Dal Macbeth di Shakespeare)

 

6-urloUltimamente sembra che nel gruppo di lettura di #LeggoNobel ci stiamo mettendo d’impegno a scegliere romanzi belli tosti. Di sicuro perché un autore vinca il Nobel deve essere tosto di suo, ma i romanzi impegnativi li leggiamo quasi tutti noi. Questa volta, come qualcuno di voi sa, abbiamo affrontato William Faulkner e il popolo, tramite votazione, ha scelto L’urlo e il furore, quindi oggi vi racconto un po’ com’è andata la nostra lettura di settembre/ottobre. C’è da dire, innanzitutto, che sono stati in pochi – o addirittura nessuno – a rispettare le tappe che avevamo stabilito, le cinque settimane che erano state fissate come periodo per non rendere il libro troppo pesante e per dare a tutti il tempo di seguire anche altre letture di gruppo. Quasi tutti, chi per un motivo e chi per un altro, siamo finiti a leggere L’urlo e il furore tutto d’un fiato. Per quanto mi riguarda, dopo qualche incertezza iniziale, ho deciso di finirlo perché avevo paura di perdere il filo e perché avevo altra (troppa) carne sul fuoco in quel momento.

Perché all’inizio sono andata più lentamente? Perché il romanzo che abbiamo affrontato è costruito in maniera complicata e si presenta a più voci. Quella che Faulkner racconta è la storia dei Compson, una famiglia americana del Sud che una volta era ricca e adesso è in decadenza. Si divide in quattro parti che si riferiscono a quattro giorni diversi non consecutivi e sono narrate da quattro personaggi diversi:

  1. la prima, quella che mi ha creato più difficoltà, tratta del sette aprile 1928 e a parlare è Benjy Compson, il figlio di 33 anni che ha un ritardo mentale e viene trattato da tutti come se fosse un bambino;
  2. con la seconda torniamo a diciotto anni prima, al due giugno 1901, e a parlare è Quentin, un altro figlio, che all’epoca era studente ad Harvard e che poi si suicida per qualcosa che riguarda la sorella Candace (Caddy) con cui aveva un rapporto particolare;
  3. nella terza si ritorna al presente, al sei aprile 1928, e la storia è narrata da Jason, l’altro fratello, più cinico e meno attaccato alla famiglia;
  4. nell’ultima invece, relativa all’otto aprile 1928, parla Dilsey, la domestica di colore che ha tre figli e un nipote, e che sembra avere la visione più lucida tra tutti i personaggi.
William Cuthbert Faulkner, nato Falkner (New Albany, 25 settembre 1897 – Byhalia, 6 luglio 1962)

William Cuthbert Faulkner, nato Falkner (New Albany, 25 settembre 1897 – Byhalia, 6 luglio 1962)

Mettendo da parte la complessità del linguaggio usato nelle prime due parti – in cui a parlare sono un ritardato mentale e un ragazzo con problemi che infatti poi si suicida – avrete notato che, togliendo il secondo capitolo che rappresenta un flashback, gli altri tre “giorni” non sono consecutivi, ma sono descritti in un diverso ordine. Mi sono chiesa più volte come sarebbe stato se avessi letto i capitoli cercando di riprodurre l’ordine cronologico della vicenda, cominciando da Quentin, passando da Jason, poi da Benjy per finire con Dilsey. Non so se sarebbe stato più facile ai fini della comprensione, ma di certo avrei stravolto il lavoro di Faulkner.
Altra difficoltà incontrata: i nomi dei personaggi. Alla fine del libro c’è un’appendice in cui viene spiegata bene la storia della famiglia Compson, una parte che lo stesso Faulkner definiva “la chiave di tutto il libro” e che fu inserita nella ristampa del 1946. Qui apprendiamo che nella famiglia ci sono due Quentin, uno dei quattro fratelli Compson e la figlia di Caddy, chiamata così in memoria dello zio; ma ci sono anche due Jason, ovvero il capofamiglia e uno dei figli.

Uno dei personaggi di cui tutti parlano, ma che non ha una voce propria, è proprio Caddy, la sorella che anni prima è andata via di casa per essere rimasta incinta chissà di chi. È la pecora nera della famiglia, amatissima dal fratello Quentin, legatissima a Benjy ed estremamente disprezzata da Jason (che disprezza pure Quentin, la figlia di lei):

Puttana una volta puttana per sempre, dico io. Io dico che sei fortunata se tutto quello che ti preoccupa è il fatto che salta la scuola. Io dico che adesso dovrebbe essere giù in quella cucina, anziché su in camera sua, a spalmarsi la faccia di belletto e ad aspettare che sei negri che non sono neanche capaci di alzarsi da una sedia se non hanno vuotato un tegame di pane e di carne per tenersi in equilibrio le preparino la colazione.

L’urlo e il furore, che Attilio Bertolucci nella postfazione definisce «un poema sinfonico in quattro tempi», è un romanzo difficile a cui devo dedicarmi una seconda volta. Il secondo capitolo che, pur non essendo il più chiaro come linguaggio, secondo me è il più bello, va letto più di una volta perché, se avete una mentalità razionale e che cerca sempre un ordine nel caos come me, farete un papocchio. Al discorso in prima persona che inizialmente tenterete di seguire si sovrappone un flusso di coscienza espresso in corsivo che rompe le frasi a metà, le lascia, le riprende e vi fa perdere il filo. Mi è stato, infatti, consigliato di tornare proprio a quel corsivo e rileggere quello, cosa che appena trovo un attimo di calma farò di sicuro.
Questo romanzo è una sorta di puzzle, bisogna lasciarsi trascinare dalle parole dei Compson senza volere per forza razionalizzare, senza pensare che nel tempo della storia il secondo capitolo dovrebbe venire prima del primo e il terzo pure. Dovete mettere i vari pezzi da parte e alla fine assemblarli per creare un quadro completo della situazione.
Mi verrebbe da dire che Faulkner non è un autore che fa per me, ma devo ancora fare chiarezza intorno a L’urlo e il furore e leggere altri suoi lavori. Durante questa lettura di gruppo, stavo anche leggendo I quarantanove racconti di Hemingway (il mio scrittore del cuore) e all’interno di LeggoNobel mi è stato fatto notare come ciò potesse essere controproducente, dal momento che i due autori sono quasi agli antipodi della letteratura americana. Però magari è la conferma che il mio gusto personale è più orientato verso una scrittura cristallina, chiara, piuttosto che verso i flussi di coscienza e le storie più intricate.

Buona lettura!

Titolo: L’urlo e il furore
Autore: William Faulkner
Traduzione:
 Vincenzo Mantovani
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 1929 (1997 questa edizione)
Pagine: 322
Prezzo: 13 € (l’edizione più recente)
Editore: Einaudi
Giudizio personale: spienaspienaspienasmezzasvuota

#LeggoNobel | “Bellezza e tristezza” di Yasunari Kawabata

Non solo non desiderava dimenticarlo,
ma viveva aggrappata alla memoria di lui.
Temeva, anzi, di svuotarsi completamente dimenticandolo,
di diventare null’altro che l’involucro di se stessa.

 

cover-1Nel mese di giugno il gruppo di lettura di #LeggoNobel ha affrontato il primo autore giapponese vincitore del premio Nobel per la letteratura (precisamente nel 1968), Yasunari Kawabata. Il libro che abbiamo scelto di leggere insieme è stato Bellezza e tristezza, un romanzo che affronta diverse tematiche, ma che lo fa con la delicatezza tipica degli orientali e, allo stesso tempo, con grande intensità. Per quanto mi riguarda, Kawabata è stato una grande scoperta e mi sembra di capire che sia stato così anche per altri membri del gruppo di lettura, tanto che, per ingannare il tempo durante la pausa estiva, abbiamo deciso di approfondire questo autore e leggere dall’11 luglio un suo secondo romanzo (una sorta di #LeggoNobel non ufficiale), cioè La casa delle belle addormentate, che ha ispirato il (forse) più famoso Memoria delle mie puttane tristi di Gabriel García Márquez.

Ma torniamo a Bellezza e tristezzaOki è un uomo sulla cinquantina, scrittore ormai affermato, con una moglie e due figli grandi. Quando aveva circa trent’anni (e già era sposato) si è innamorato di Otoko, all’epoca sedicenne, che è rimasta incinta e ha partorito una figlia morta. La madre ha deciso di lasciare Tokyo con la figlia e di trasferirsi a Kyoto, dove nessuno le conosce e sa dei loro trascorsi, anche perché l’uomo nel frattempo ha scritto un romanzo, La sedicenne, in cui racconta la sua storia con Otoko, quindi sono venuti a saperlo tutti. Ma Otoko non ha più incontrato nessun uomo, non si è sposata e oggi, a circa quarant’anni, è un’artista molto apprezzata e vive in una sorta di tempio con una sua giovane allieva, Keiko, con la quale intrattiene anche una relazione amorosa. Oki non ha mai dimenticato Otoko e dopo tanti anni decide di andare a Kyoto per sentire le campane il giorno di capodanno, sperando di incontrare il suo vecchio amore, ma lei si presenta insieme a Keiko, come per paura di restare da sola con lui. Keiko sa bene che nemmeno Otoko ha mai smesso di amare Oki e per questo è parecchio gelosa, così decide di architettare un piano per vendicare la sua amata maestra, anche a costo di coinvolgere la famiglia di Oki.

Scorse veloce il tempo. Per un uomo, tuttavia, lo scorrere del tempo non consiste forse in un’unica corrente, ma in correnti numerose e varie. Proprio come un fiume, il tempo nell’uomo scorre veloce in un senso e in altro senso più lento; ci sono anche dei punti dove il flusso è completamente fermo. Nel cielo il tempo scorre con una velocità uguale per tutti, mentre in questo mondo esso scorre in ciascuno di noi a un ritmo diverso. Non c’è uomo che riesca a scansare il tempo, il quale tuttavia scorre diversamente per ognuno.

Yasunari Kawabata (Osaka, 14 giugno 1899 – Zushi, 16 aprile 1972)

Si tratta sicuramente di una storia drammatica – già ce ne accorgiamo dalle prime pagine – in cui Kawabata tratteggia e approfondisce alla perfezione i caratteri dei personaggi, facendoci capire le ragioni di ognuno e facendoci percepire le loro sofferenze e i loro patimenti. Ma in un romanzo ci deve essere almeno un elemento disturbante, qualcosa che provochi il fastidio del lettore e che metta i bastoni tra le ruote ai protagonisti, e in questo caso l’autore ha inserito Keiko, l’odiosa, incomprensibile, gelosa e folle diciannovenne che causa guai un po’ a tutti.
Otoko e Oki invece ricordano entrambi il loro amore passato quasi come una cosa sacra, che non deve essere infangata in nessun modo, nello specifico lei cerca di dissuadere Keiko dalla sua vendetta, perché nonostante la perdita di sua figlia e del suo Oki le abbia causato molto dolore, capisce che non vale la pena provocare altri guai e farsi più male. E c’è anche la moglie di Oki, una donna tradita quando aveva circa trent’anni, che ha perdonato il marito ma che è stata costretta a convivere per tutta la vita con il fantasma di Otoko, presente nel cuore di Oki e nella mente di tutti a causa del libro La sedicenne.

Di questo libro, a parte le descrizioni di ambienti, paesaggi, arte e usanze tipicamente giapponesi come i campi di té, i tatami, i dipinti orientali con colori tenui, mi è piaciuto soprattutto il fatto che l’autore non si sia nascosto dietro quel velo di timidezza che caratterizza gran parte degli scrittori nipponici. Kawabata osa, non ha paura di chiamare le cose con il loro nome, parla di rapporti omosessuali, della nascita di una bambina morta, di perfidia, di tradimento e lo fa con una grande eleganza che stride con i temi trattati. È sicuramente un autore da conoscere, e questo libro è abbastanza breve, quindi per qualcuno che ha paura di rischiare può essere un buon inizio. Io, come vi ho già detto, leggerò insieme al gruppo di lettura #LeggoNobel un secondo romanzo, non solo per farmi un’idea migliore, ma anche per riuscire a collegarlo a Márquez, altro Nobel che affronteremo più in là.

Buona lettura!

Titolo: Bellezza e tristezza
Autore: Yasunari Kawabata
Traduzione:
 Atsuko Suga
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 1965 (2007 questa edizione)
Pagine: 176
Prezzo: 10,50 €
Editore: Einaudi
Giudizio personale: spienaspienaspienaspienaspiena

#LeggoNobel | “Auto da fé” di Elias Canetti

13002542_10208232191873888_5425568501244467327_oIl 22 maggio in teoria sarebbe dovuta terminare la lettura di gruppo di #LeggoNobel, ma questa volta il romanzo scelto ha causato un po’ di problemi a tutti, quindi alcuni lo stanno ancora leggendo. Io, nonostante tutto ho finito il libro, anche se con qualche difficoltà, perché Elias Canetti col suo Auto da fé mi ha dato del filo da torcere sia per il linguaggio usato sia per il suo modo di narrare. Il romanzo è bello corposo, quasi 550 pagine, almeno nella mia edizione Adelphi, ma non è stato questo a renderlo difficile. Mi è sembrato pieno di elementi da decifrare, molti dei quali forse non ho nemmeno colto, ma mi consola il fatto di non essere stata l’unica a trovarlo pesante. Nonostante questo, però, sono contenta di averlo letto.

La storia vede come protagonista Kien, uno studioso quarantenne che disprezza i professori ma viene chiamato professore da tutti. Kien ha un appartamento completamente adibito a biblioteca, figuratevi che non ha nemmeno un letto su cui dormire, ma riposa sul divano; non ama avere contatti col mondo, gli interessano solo i suoi libri, di cui peraltro va fiero perché è convinto di avere volumi rari e importantissimi che rendono la sua biblioteca unica al mondo. Ma per difendere e curare questi libri bisogna preoccuparsi pure di trovare una signora che gli faccia le pulizie nel modo giusto, che sappia rispettare il suo tesoro. Assume, così, Therese, una donna sulla cinquantina che sembra essere molto delicata coi libri, così premurosa che alla fine Kien se la sposa. Ma l’uomo non sa a cosa va incontro, perché in realtà Therese è il suo opposto, la donna rappresenta ciò che di peggio si può incontrare nel genere umano, un contenitore di tutte le qualità negative che ci possano essere. Kien in un primo tempo accontenterà ogni sua richiesta, poi comincerà a capire che deve reagire e così i due non faranno altro che scontrarsi violentemente. Sembra che ci sia solo bisogno di qualcuno che arrivi a mettere ordine, prima dell’epilogo che forse è l’unica conclusione possibile.

Era già capitato con gli amici di #LeggoNobel di leggere libri belli ma con personaggi odiosi, come ad esempio Lo straniero di Camus, ma qui la lettura si è rivelata pesante (già dalla seconda delle tre parti) sotto diversi aspetti, primo tra tutti il clima che si respira nella storia, questa follia che aleggia su tutto il romanzo e che ha confuso un po’ tutti. In realtà alla fine di Auto da fé (titolo originale Die Bledung, L’accecamento) c’è un piccolo saggio di Canetti che spiega la nascita del romanzo: l’autore lo ha scritto a circa vent’anni grazie anche ad un soggiorno berlinese che gli permise di conoscere personaggi importanti come Brecht e Kraus, di vedere da vicino la follia umana (alloggiava di fronte lo Steinhof, la città dei pazzi, un ospedale psichiatrico), e di conoscere una padrona di casa molto singolare che gli ha ispirato il personaggio di Therese.

Elias Canetti (Ruse, 25 luglio 1905 – Zurigo, 14 agosto 1994), scrittore, saggista e aforista bulgaro naturalizzato britannico di lingua tedesca, insignito del Nobel per la letteratura nel 1981.

Ma il tema che lo ha ossessionato più è sicuramente quello della massa, della moltitudine, fin dal momento in cui assiste ad una sparatoria in cui alcuni operai vengono uccisi e in seguito gli assassini vengono assolti. Da tutte le zone della città partono cortei di lavoratori che vanno a incendiare il Palazzo di Giustizia, poi la polizia spara e rimangono uccise novanta persone. Là comincia a capire meglio il significato di massa, sente di far parte di qualcosa che è più grande di lui: questo argomento cercherà di svilupparlo in tutto il resto della sua produzione, ma probabilmente il risultato più importante sarà Massa e potere, un’opera di saggistica che oscilla tra filosofia, scienze ed etnologia.
Nel suo saggio alla fine di Auto da fé, Canetti racconta inoltre che un giorno ha visto sulla strada un uomo con degli opuscoletti che urlava disperato che stavano bruciando tutti i fascicoli; l’autore allora ha ribattuto che era meglio che bruciassero i fascicoli piuttosto che le persone, ma quell’uomo i suoi fogli dovevano essere parecchio importanti.

Da qui nacque Kien, l’uomo dei libri, che in una prima versione si chiamava Brand (“incendio”, nome molto evocativo, prefigurava l’epilogo) e poi aveva cambiato nome in Kant; Kien è una delle diverse figure “esagerate, portate all’estremo” che Canetti aveva abbozzato e sulle quali doveva sviluppare dei romanzi: l’Uomo della Verità, il Visionario, il Fanatico Religioso, l’Uomo dei Libri, il Collezionista, lo Scialacquatore, l’Attore e il Nemico della Morte. L’autore aveva il progetto di realizzare una Comédie humaine dei folli, ma non portò a termine l’intero progetto perché l’Uomo dei libri spiccava troppo sugli altri, catturò completamente il suo interesse e nel 1935 si trasformò in Peter Kien, il protagonista di Auto da fé (titolo che l’autore scelse personalmente per varie edizioni tra cui quella italiana).

Parlare di questo libro è abbastanza difficile, non è un libro di facile lettura, quindi se volete leggerlo dovete essere consapevoli di ciò a cui andate incontro. Non preoccupatevi se non vi dovesse piacere, Thomas Mann, quando Canetti gli inviò la prima copia, si rifiutò perfino di leggerlo, forse non gli piaceva nemmeno il titolo. Non piacque nemmeno al regime nazista che lo bandì (non ricevette troppa attenzione fino a quando non fu ripubblicato negli anni Sessanta). Ciononostante, credo sia una lettura che almeno chi si considera un lettore forte debba fare, quindi anche se è stata una faticata ne è proprio valsa la pena!

Buona lettura!

Titolo: Auto da fé
Autore: Elias Canetti
Traduzione:
 Luciano e Bianca Zagari
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 1935 (2012 questa edizione)
Pagine: 548
Prezzo: 15 €
Editore: Adelphi – Gli Adelphi
Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasvuota

#LeggoNobel | “Lo straniero” di Albert Camus

In fondo non c’è idea cui non si finisca per fare l’abitudine.

 

3144077-9788845277634Conoscevo Albert Camus, premio Nobel per la letteratura 1957, già con La peste e L’uomo in rivolta: il primo, anni fa, lo amai tanto, il secondo, abbastanza difficile e filosofico, mi ha confusa fin troppo quando l’ho letto qualche mese fa con il gruppo di lettura Scratchmade gestito da Maria Di Biase. Per la terza “puntata” di #LeggoNobel, che vedeva come protagonista questo grande autore, scelto dal pubblico tramite votazione (era arrivato secondo dopo la Munro nella tripletta proposta), abbiamo scelto di leggere Lo straniero, un libro che, se all’inizio ci ha po’ fatto storcere il naso per il carattere del protagonista, alla fine ha fatto sì che il messaggio di Camus passasse.

Meursault è un uomo di origine francese che vive ad Algeri. La storia comincia con la morte della madre in un’ospizio che si trova fuori città, un luogo che deve raggiungere per partecipare ai funerali. Fin dai primi momenti si capisce quanto Mersault sia indifferente alle emozioni: non gli interessa vedere la madre morta, non prova tristezza, anzi considera l’evento – che dovrebbe essere triste per tutti – come un intoppo, qualcosa che gli impedisce di condurre la sua vita normale. Ma, per fortuna, si tratta solo di pochi giorni, poi potrà tornare a lavorare ad Algeri. Dopo il funerale incontra una sua ex collega, Marie, con cui intreccia una relazione amorosa, anch’essa arida, almeno per lui. Lei lo ama e vorrebbe sposarlo, ma lui prova solo desiderio fisico, nient’altro.
Un giorno si trova, quasi senza accorgerne, a commettere un delitto. Verrà messo in prigione e sottoposto ad un processo (la parte più bella del libro), in cui più che l’omicidio sembra si stia giudicando la sua indifferenza nei confronti del mondo.

Ognuno dei capitoli iniziali di questo romanzo sembra affrontare l’indifferenza di Mersault verso un oggetto diverso. Vediamo che non gli interessa niente della famiglia e nello specifico della morte di sua madre, per lui è solo un contrattempo. Non gli interessa nemmeno l’amicizia, ad esempio con le persone che abitano nel suo palazzo o con i colleghi. L’amore, poi, è qualcosa di sconosciuto: è indicativa la scena in cui Marie gli chiede se la ama e se voglia sposarla e lui risponde che non sa, forse non la ama, ma se vuole possono sposarsi, tanto non è nulla di importante, se glielo chiedesse un’altra lui le direbbe la stessa cosa. Non gli importa nemmeno della vita, la vede come qualcosa di transitorio e insignificante; quando il capo gli propone di trasferirsi lontano per dirigere un nuovo ufficio, lui risponde che in fondo fa lo stesso, qui o lì, che tanto non si cambia mai di vita e tutte le vite si equivalgono. Ma al processo accade qualcosa: mentre tutti, più che l’omicidio commesso, sembrano condannare la sua freddezza, un sentimento emerge dal ghiaccio, e cioè la rabbia. Meursault si arrabbia, è furioso, e questo indica che sotto sotto anche lui deve avere un’anima.

Ciò che è inevitabile nella lettura de Lo straniero è un cambiamento di prospettiva da parte del lettore. Il punto di vista da cui è narrata la storia è quello del protagonista, ma se in un primo momento detestiamo lui e il suo nichilismo, dopo un po’ (circa a metà del romanzo) riusciamo quasi a comprenderlo, a capire le sue ragioni. Non si fa altro che ribadire quanto sia arido dentro, ma chi dice che questo non sia l’unico modo di salvarsi davvero? È consapevole che ogni avvenimento più o meno triste non ha praticamente nessun effetto su un mondo che continuerà sempre ad andare avanti. Ogni cosa brutta verrà dimenticata, ogni crimine verrà superato e ogni pagina verrà voltata. Inevitabilmente. A che serve strepitare tanto, se poi tutti verremo dimenticati? Le emozioni, soprattutto quelle forti, i legami, i sentimenti ci danno l’impressione di vivere davvero la nostra vita, ma secondo me tutti abbiamo pensato almeno una volta che il non provare nulla in un certo senso ci preservi e ci tenga al sicuro dai crolli. Poi magari non riusciamo a farlo, perché questo non è un comportamento che ci possiamo autoimporre di adottare ma, specialmente dopo qualche duro colpo, abbiamo fatto tutti una riflessione del genere.

Forse nemmeno allo stesso Camus piaceva tanto il suo protagonista, oppure sì, chi può saperlo? Fatto sta che Lo straniero è un romanzo geniale che ci permette di vedere le cose da una prospettiva diversa, se ci lasciamo trasportare dalle parole. Perché credo che per capire appieno un libro, e il messaggio che mediante questo un autore vuole trasmettere, ci si debba immergere completamente nella storia, lasciando da parte i giudizi, le antipatie e i preconcetti.
Sono sicura che molti di voi lo avranno letto. Ma mi rivolgo a tutti, anche a chi non lo ha mai letto: che cosa ne pensate di un comportamento del genere? Mi piacerebbe discuterne insieme.

Intanto, se vorrete partecipare alla nostra prossima lettura di gruppo, iscrivetevi all’evento #LeggoNobel: affronteremo seguendo delle tappe Auto da fé di Elias Canetti, premio Nobel per la letteratura 1981. Vi aspettiamo!

Buona lettura!

Titolo: Lo straniero
Autore: Albert Camus
Traduzione:
 Sergio Claudio Perroni (Introduzione di Roberto Saviano)
Genere:
 Romanzo filosofico
Anno di pubblicazione:
 1942 (questa edizione 2015)
Pagine: 157
Prezzo: 12 €
Editore: Bompiani

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienaspiena

#LeggoNobel | “Troppa felicità” di Alice Munro

12698643_10207658627855146_2402765333191822675_oAlice Munro è una di quegli autori che (credo) mai avrei preso in considerazione se non fosse stato per #LeggoNobel. Sì, questo progetto, insieme ad Elena Tamborrino, è gestito anche da me, quindi potreste obiettare: “Ma perché te lo autoimponi se in altre circostanze non lo avresti mai letto?”. Perché, nonostante io non ami per niente i racconti, lei ha vinto il Nobel per la letteratura nel 2013 perché ritenuta maestra del racconto contemporaneo, quindi un tentativo va fatto. E poi chi lo sa? Magari questi tentativi possono riservare belle sorprese.

E in un certo senso con Troppa felicità è stato così, perché, se in un primo momento sono partita prevenuta aspettandomi racconti smielati di una tipica donna che parla d’amore, mi sono trovata davanti a dieci storie che parlano di donne – ma non solo – le cui vite scorrono tranquille fino a un certo punto ma vengono improvvisamente destabilizzate da qualcosa di più o meno terribile. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di realtà complicate, situazioni estremizzate al fine di impressionare il lettore e colpirlo nel profondo. Un esempio è la prima storia, Dimensioni, che ha come protagonista Doree, una giovane donna sposata con un uomo pazzo e violento che le dà la colpa di tutto, anche dell’atto orribile che lui stesso commetterà per farle del male.

– Sai quando ho chiamato, ieri sera? – disse Lloyd. – Quando ho chiamato, era già successo.
– È stata tutta colpa tua, – disse.

E questo è uno dei racconti che mi hanno impressionata di più perché mi ha ricordato chiaramente molte storie attuali di donne che non riescono a ribellarsi a uomini terribili, che non riescono a venir fuori da certe situazioni o che ci riescono quando forse è troppo tardi. Ma la Munro, nelle sue storie, tocca diversi temi: dall’adulterio in Racconti alla cattiveria insita nell’essere umano in Bambinate, dal rapporto madre-figlio di Buche profonde al modo di seguire le proprie passioni e realizzarsi nella vita di Troppa felicità. E proprio quest’ultimo, che dà il nome all’intera raccolta, è il racconto romanzato della vita di Sof’ja Kovalevskaja, prima donna russa a diventare matematico e fisico e ad ottenere una cattedra universitaria (in Svezia, nel 1889). In un’epoca in cui per le donne era difficile essere indipendenti, Sof’ja per continuare gli studi fuori sposò Vladimir Kovalevskij per convenienza e potè frequentare l’università di Heidelberg (senza il consenso del padre o di un marito una donna non poteva frequentare università europee o laurearsi). Quest’uomo le permise di realizzare il suo sogno, con l’appoggio anche di grandi matematici che per le sue doti la presero sotto la loro ala protettrice.
Credo che questa sia la storia che tra tutte mi sia piaciuta di più, forse perché è dedicata ad un personaggio realmente esistito e che io non conoscevo affatto, una donna che aveva tanto da dare e che è riuscita a farlo quando per tutta la categoria la vita era abbastanza dura.

Bambinate, invece, mi ha fatto molta impressione, perché siamo sempre tutti bravissimi a dire che l’essere umano nasce, per natura, con un cuore puro, ma spesso la vita ci dimostra che non è così. In questo caso si parla di due ragazzine che si accaniscono contro una coetanea con una sorta di ritardo mentale perché provano ribrezzo, quasi schifo nei suoi confronti. È l’atteggiamento di chi non si sa relazionare col diverso e non si sa mettere nei suoi panni. Quindi il comportamento eccessivamente appiccicoso e l’euforia “sgangherata” di una ragazza che vuole solo fare amicizia e dimostrare affetto ad una sua conoscente vengono scambiati per sintomi pietosi e ripugnanti di una malattia che andrebbe debellata.

I bambini, si sa, sono mostruosamente convenzionali, subito pronti a respingere ciò che è sbilenco, mal funzionante, ingestibile.

Non so se leggerò altro di Alice Munro, perchè, come ho già detto, non riesco ad apprezzare al meglio i racconti, ma sicuramente è un’autrice che merita attenzione, lo dimostra il fatto che le sue storie mi abbiano molto colpita (a parte un paio a cui sono rimasta indifferente). Nel frattempo vi comunico che lunedì 21 partiremo con la terza lettura prevista per #LeggoNobel: inizieremo a leggere Lo straniero di Albert Camus. Sarete dei nostri?

Titolo: Troppa felicità
Autore: Alice Munro
Traduzione:
 Susanna Basso
Genere:
 Raccolta di racconti
Anno di pubblicazione:
 2009 (questa edizione 2011)
Pagine: 332
Prezzo: 20 €
Editore: Einaudi

Giudizio personale: spienaspienaspienasmezzasvuota

#LeggoNobel | “Il libro della giungla” di Rudyard Kipling

“Nessuno può starmi a pari!” dice il Cucciolo, orgoglioso
della sua prima preda; ma la giungla è grande e piccolo
il Cucciolo: che rifletta e stia calmo.

Proverbi di Baloo

 

12469566_10207430829320325_1569956342286476846_oVi ricordate del progetto #LeggoNobel di cui vi ho parlato un po’ di tempo fa? Bene, si è conclusa da poco la prima lettura di gruppo e sono convinta che sia andata bene. L’autore che abbiamo affrontato è Rudyard Kipling con Il libro della giungla, un libro che solitamente si legge da piccoli ma che a seconda dell’età, secondo me, si vede con sguardo diverso. Sì, perché non parliamo semplicemente delle avventure di Mowgli, il cucciolo d’uomo allevato dai lupi (come la Disney, col suo bellissimo cartone, ci ha un po’ abituati a fare), ma anche di tanti altri animali e dei rapporti tra loro o tra loro e gli umani.
Per quanto mi riguarda, ho letto solamente la prima parte (pubblicata nel 1894), riservandomi di dedicarmi alla seconda (del 1895) più in là, mentre qualcuno ha continuato.

Rudyard Kipling nacque in India, vi passò gran parte dell’infanzia e vi ritornò a circa vent’anni per lavorarvi come giornalista. Per questo motivo ebbe modo di conoscere molto bene il mondo animale e di carpire le leggi che lo governano. Dalle prime pagine entriamo in un mondo che sembra così lontano da noi, un mondo in cui gli animali della giungla trovano un bambino ancora molto piccolo e, invece di sbranarlo, lo adottano. È Mamma Lupa, uno dei personaggi più affascinanti de Il libro della giungla, che decide di voler tenere quel cucciolo d’uomo e salvarlo dal nemico (uno fra tutti la tigre Shere Khan). Questa lupa dimostra che la maternità non è solo mettere al mondo un essere vivente, ma anche prendersene cura, insegnargli a vivere in quel mondo, proteggerlo.

“Vuoi ancora tenerlo, Mamma?”
“Tenerlo!” ansimò. È venuto di notte, nudo, solo e affamato; eppure senza paura. Guarda, ha già spinto via uno dei miei piccoli. E quel macellaio zoppo avrebbe voluto ucciderlo, per scappare poi al Waingunga mentre gli abitanti dei villaggi di questo territorio, per vendicarlo, avrebbero organizzato una battuta scacciandoci dai nostri rifugi! Tenerlo? Certo che voglio tenerlo. Stai buono, ranocchietto. O Mowgli, perché Mowgli il Ranocchietto ti chiamerò, verrà il giorno in cui darai la caccia a Shere Khan come lui l’ha data a te”.

Per questo Mowgli sarà sempre fedele al branco, crescendo imparerà a ricambiare l’amore e la protezione che i lupi gli hanno dato quando era ancora in fasce. Incontrerà altri personaggi bellissimi come Akela, il capo dei lupi, l’orso Baloo che insegna le leggi della giungla ai cuccioli, il leale serpente Kaa, o la pantera Bagheera, coraggiosa ed estremamente protettiva nei suoi confronti.
Ma come ho già detto, Il libro della giungla non è solamente la storia di Mowgli, Kipling ci fa incontrare altri animali come la foca bianca Kotick che, vista come strana da tutte le altre foche (che non sono bianche), si allontana per andare a cercare un posto che sia sicuro per tutti, che sia in grado di accogliere tutti per sfuggire al massacro che avviene periodicamente ad opera degli umani. Un massacro di cui l’autore parla con naturalezza, come se fosse una cosa normalissima, mentre oggi al solo pensiero rabbrividiamo (purtroppo, quasi) tutti. C’è la mangusta Rikki-Tikki-Tavi, che viene accolta da una famiglia e ricambierà le loro cure con la protezione dai serpenti Nag e Nagaina. Le manguste, infatti, sembra che siano delle grandi nemiche dei serpenti, sono in grado di sconfiggerli. La storia, vista da qualcuno come una metafora del colonialismo inglese che libera il popolo indiano dalla tirannide dei precedenti padroni per sostituire la libertà con il clima di terrore in cui è abituato a vivere, è stato inizialmente pubblicato sul Pall Mall Magazine e sul St Nicholas Magazine nel 1983 e incluso l’anno dopo nella raccolta de Il libro della giungla.

Non essendo più esattamente una bambina, non mi sono lasciata ammaliare dalle avventure e dalla bellezza degli animali. Ho letto questo libro con piglio analitico e mi ha stupito il fatto che non l’ho considerato per niente un libro per bambini, anzi!
L’edizione che ho scelto per #LeggoNobel è Einaudi Ragazzi, 2009, con una traduzione di Piero Pieroni e illustrazioni di Philippe Mignon. La cosa divertente è stata che, tra tutti i partecipanti alla lettura di gruppo (da cui sono venuti fuori spunti di riflessione e bei commenti, e qualcuno ha anche affrontato la lettura insieme ai suoi alunni a scuola), non si sono trovate due persone che avessero tra le mani la stessa edizione.
Adesso che questa lettura si è conclusa passeremo alla seconda. Ne approfitto per fare un po’ di pubblicità: dal 15 febbraio cominceremo a leggere insieme Troppa felicità di Alice Munro, per chi volesse partecipare ecco qui l’evento a cui partecipare tramite Facebook altrimenti va benissimo farlo anche da Twitter con l’hashtag #LeggoMunro. Speriamo di divertirci insieme anche questa volta.

Nel frattempo, come sempre, buona lettura e buona domenica!

Titolo: Il libro della giungla
Autore: Rudyard Kipling
Traduzione:
 Piero Pieroni
Genere:
 Racconti
Anno di pubblicazione:
 1894
Pagine: 232
Prezzo: 11 €
Editore: Einaudi Ragazzi
Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasvuota