Amore a prima vista (Lo specchio nel buio vol. 2) | Margaret Storm Jameson

In tutta la sua vita, nessuno, tranne sua madre,
si era mai sentito responsabile per lei.
Hervey non invitava gli altri a offrirle aiuto,
benché ne avesse spesso bisogno.

 

L’anno scorso, a ottobre, Fazi editore aveva pubblicato il primo volume della trilogia de Lo specchio nel buio, Company Parade, che vedeva come protagonista Hervey Russell, una giovane donna che sente il bisogno di rischiare e affermarsi con le sue sole forze: lascia il marito (svogliato e pigro) a casa, affida il figlio a una persona e si trasferisce dalla provincia a Londra per avvicinarsi alla scena culturale inglese del primo dopoguerra. Il 18 giugno è uscito Amore a prima vista, il secondo capitolo della saga di Margaret Storm Jameson, una saga molto femminista, com’era in fondo la sua autrice, una donna geniale che nella propria vita ha accumulato successi e conquiste e viene considerata quasi una donna dei record, almeno per la sua epoca (era nata nel 1891).

In questo libro ritroviamo Hervey che ha già pubblicato alcuni romanzi, sta scrivendo il successivo ed è riuscita a crearsi una discreta posizione nell’ambiente intellettuale della capitale inglese del 1924. Il figlio Richard cresce ed è un bambino molto intelligente, mentre il marito, Penn, è sempre più lontano da lei, sembra che nulla li leghi più a parte la preoccupazione che lei nutre per lo stato emotivo di lui. Lei nel frattempo lavora come redattrice della London Review, assistente di Evelyn Lamb, la moglie di uno dei suoi migliori amici, ma ha molte riserve su quel tipo di impiego, dato che spesso consiste solo nel prendersi la colpa degli errori della sua superiore o occuparsi di ciò che la Lamb trova noioso fare. La vita di Hervey però viene totalmente stravolta quando s’innamora del cugino Nicholas Roxby, erede dei cantieri Garton che erano di proprietà della nonna, Mary Hervey. Per Nicholas lei potrebbe rischiare tutto, e infatti a causa di questo amore iniziano una serie di problemi. Ma per quanto può aspettare una persona che si allontana di continuo?

Non mi piace soffrire… e sono una che soffre per un nonnulla… prendo le cose sul personale e mi innervosisco facilmente, ma sotto sotto sono dura e forte come un albero. Non posso soffrire all’infinito. Un tempo pensavo di sì, ma era un’assurdità.

Hervey è una donna forte e tenace che si trova in periodo di profonde incertezze individuabili nell’incapacità della popolazione di avere relazioni profonde e durature (quasi tutti sono sposati con chi non amano e hanno un’amante, aumentano i divorzi) e nelle ferite che la guerra ha inferto agli uomini che l’hanno combattuta, ferite che non permettono loro di amare una donna come avrebbero potuto fare prima. Sembra proprio che sia Hervey a regolare la trama della storia, è lei che agisce sempre, spesso anche per chi è troppo indolente per farlo. Lo stesso Nicholas ha una moglie che lo ha tradito più volte e non si decide a lasciarla perché non ne ha il coraggio. Il marito, Penn, non sa reggersi sulle proprie gambe, non la trattiene nemmeno troppo quando lei vuole lasciarlo per Nicholas e si affida alla madre. Si avverte molto la lotta di Hervey contro la totale mancanza di iniziativa di quasi tutti i personaggi maschili che la circondano, si avverte la frustrazione che questo molto spesso provoca in lei e anche in noi che seguiamo le sue vicende. Ed è qualcosa che, appunto, traspare dalle parole di un’autrice che nella vita si è fatta strada da sola rivendicando la sua identità femminile.

Hervey è una donna molto avanti per il suo tempo e infatti leggere la sua storia ci può far pensare molto facilmente a situazioni attuali che magari vediamo tutti i giorni. Purtroppo, per quanto riguarda la figura della donna lavoratrice, non sembra essere cambiato molto da quell’epoca, ma nel frattempo aspettiamo il terzo volume per vedere come andrà a finire la storia di Hervey, magari lei riuscirà a trovare la felicità sfondando nel mondo della letteratura e conciliando questa passione con la famiglia.

Buona lettura!

Titolo: Amore a prima vista
Autore: Margaret Storm Jameson
Traduttore: Velia Februari
Genere: Romanzo
Data di pubblicazione: 18 giugno 2020
Pagine: 446
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi


Margaret Storm Jameson – Nata in una famiglia di costruttori navali, è stata una giornalista e scrittrice inglese. Nel 1919, a Londra, lavorò per un anno come copywriter per una grande agenzia pubblicitaria. Tra il 1923 e il 1925 fu la rappresentante in Inghilterra dell’editore americano Alfred A. Knopf. Suffragetta e femminista, nel 1939 è diventata la prima donna presidente della British section of International PEN. Liberale e antinazista, nel 1952 firmò l’introduzione all’edizione inglese del Diario di Anna Frank. Nel 1952 venne inoltre insignita del ruolo di delegata dell’UNESCO Congress of the Arts. È stata un’autrice molto prolifica, tra romanzi, racconti, saggi letterari e critici, e un’autobiografia in due volumi. Fazi Editore ha pubblicato Company Parade, primo capitolo della trilogia Lo specchio nel buio, nel 2019.

Il gioco della vita (Jalna vol. 2) | Mazo de la Roche

In quel luogo risiedeva una forza vitale troppo intensa per lui;
i Whiteoak possedevano personalità troppo vigorose.

 

Può sembrare strano ma anche questa volta, come nel post sul libro letto la scorsa volta, ci ritroviamo a parlare di questioni di eredità. Il 28 maggio è uscito Il gioco della vita, il secondo volume della bellissima saga canadese di Mazo de la Roche iniziata con Jalna (QUI potete rinfrescarvi la memoria sul primo), e al centro di tutta la storia c’è proprio l’incertezza sul destinatario di un bel gruzzolo di soldi. Avevamo lasciato i nostri protagonisti un po’ spiazzati dopo i matrimoni di due membri della famiglia Whiteoak i conseguenti pasticci: Eden è scappato chissà dove e non se ne sa più niente, Piers e Pheasant hanno avuto un figlio e lo hanno chiamato Maurice (Mooey) come il padre di lei, Maurice (senior) si è sposato con Meg e ha avuto Patience, e Alayne è tornata a New York e al suo lavoro nel campo dell’editoria. Renny non ha mai smesso di pensare a lei, e anche lei è ancora innamorata di lui, sebbene sia passato circa un anno. Invece Adeline, la nonna, quella da cui è nata questa grande famiglia, ha ormai passato i cento e alterna momenti di confusione a momenti di grande lucidità, ma sta sempre a letto. È proprio in uno di questi momenti (chissà se di lucidità o di confusione) che ha deciso che alla sua morte il patrimonio non sarà spartito fra tutti i figli e nipoti, ma andrà a una sola persona, mettendo tutti contro tutti.

Nonostante tutte queste vicende, però, questo volume sembra dedicato in gran parte alla figura di Finch, che ha circa diciott’anni ed è il penultimo dei Nipoti di Adeline. Finch è un personaggio molto particolare all’interno della famiglia Whiteoak: in un clan in cui si dedicano tutti alla terra e alle questioni materiali, e in cui a tutti sembra essere tacitamente richiesto di essere forti e risoluti (a parte Eden che volendo fare il poeta aveva finito «smarrire ogni senso morale»), lui è attratto dall’arte, dalla recitazione, dalla musica, e ha una sensibilità diversa rispetto agli altri. Motivo per cui è considerato all’unanimità lo stupido della famiglia, lo smidollato, quello che non combina niente perché si distrae a guardar volare le farfalle con aria sognante. Così sincero e fragile che si convince anche lui di essere uno stupido buono a nulla. Ma qualcuno riesce a vederlo davvero, come aveva fatto anche Alayne nel volume precedente, supportandolo nel suo amore per la musica.

«Non son buono a niente, nonna».
«Eh no! Cosa ti ho detto?» disse con voce aspra ma con occhi colmi d’affetto.

Anche se alcune parti della storia si svolgono a New York, dove Finch scappa e va a trovare Alayne, e dove si finisce per scoprire anche altre cose che riporteranno la ragazza a Jalna (, tutto il resto è ovviamente ambientato nella grande casa di famiglia, quella che aveva preso il nome dalla città indiana dove era di stanza Philip Whiteoak, il nonno, marito di Adeline. Tornano tutte le descrizioni di interni ed esterni, delle piante, dei cavalli di Renny. Alayne ricorda «il profumo che si sprigionava dalla terra dove le radici si intrecciavano, l’odore della natura che si risvegliava e al tempo stessi si decomponeva. L’inizio e la fine della vita coesistevano. Vide i grandi abeti del balsamo che stavano a guardia del viale d’accesso e che si ammassavano oscuri al limitare del prato a proteggere la casa, e innalzavano una cupa barriera tra Jalna e il mondo.» Quella stessa barriera che poi la fa riflettere su quanto sia chiusa la famiglia Whiteoak e su quanto sia difficile non solo che un estraneo ne entri a far parte, ma anche che un membro si stacchi e cerchi di prendere la sua strada.

«Mia cara, credo che tu non capisca. La nostra famiglia è molto unita.»
«Ma sì che capisco! È talmente compatta che non permettete che nessuno si stacchi neppure per un istante. Non riuscite a fare a meno di riacciuffare chiunque osi allontanarsi. So che le mie parole sono sgarbate, ma non riesco a tacere. La mia impressione della vostra famiglia è sempre stata questa.»

Ho trovato questo secondo volume anche più bello del primo, forse perché alla mia personalità risulta affascinante la figura di Finch, soprattutto in un ambiente claustrofobico come quello in cui si trova “bloccato”. Ma non solo questo. Qui forse s’intravede qualche crepa nel carattere duro e forte di Renny, considerato da tutti il capofamiglia (al punto che tutti sono convinti che sia l’unico meritevole di ricevere l’eredità), quello che deve essere sempre all’altezza della situazione e non mostrarsi mai debole. Renny che, però, si lascia impietosire, trasportare dalle emozioni altrui e soprattutto dalle proprie, ma quando nessuno lo vede. A parte Alayne, che è la causa scatenante della sua umanizzazione: è da quando è arrivata lei, insospettabile moglie di Eden, che Renny ha scoperto qualcosa di nuovo, qualcosa che ha dentro e che ha una forza di cui non era consapevole.

A chi andrà l’eredità di nonna Adeline?
Buona lettura!

Titolo: Il gioco della vita
Autore: Mazo de la Roche
Traduttore: Sabina Terziani
Genere: Romanzo
Data di pubblicazione: 28 maggio 2020
Pagine: 480
Prezzo: 18 €
Editore: Fazi

Aria di novità (Figlie di una nuova era vol. 3) | Carmen Korn

La vita procede per vie contorte e vicoli ciechi,
e spesso i tesori più preziosi
li troviamo lungo una strada diversa
da quella che avevamo deciso di imboccare.

 

Esce ufficialmente oggi Aria di novità, il terzo e ultimo volume della saga di Carmen Korn iniziata con Figlie di una nuova era (il secondo volume è stato È tempo di ricominciare). Ho amato moltissimo la trilogia tedesca pubblicata da Fazi nella traduzione di Manuela Francescon, l’ho trovata davvero appassionante e sono sicura che i suoi personaggi mi mancheranno. Avevamo conosciuto le quattro protagoniste, Henny, Käthe, Ida e Lina, alla fine della Prima Guerra mondiale, quando erano impegnate a ricostruire la loro Amburgo cercando di tornare alla normalità; le abbiamo viste affrontare anche il secondo grande conflitto, i campi di concentramento, la perdita dei propri cari, i bombardamenti; le abbiamo seguite nel tempo delle innovazioni, quando è arrivata la TV, quando l’uomo è sbarcato sulla Luna o è stata inventata la pillola anticoncezionale. Abbiamo visto queste quattro ragazze nate intorno al 1900 (anno più, anno meno) perdersi, ritrovarsi, ricostruire la vita dalle macerie, ma quello che è rimasto sempre saldo è stato il forte legame che c’era fra loro.

La famiglia è la cosa migliore che possa capitarti nella vita.

Non solo loro, però, ma anche tra le loro famiglie. Perché in Aria di novità la storia inizia nel 1970 per concludersi nella notte di Capodanno che porta tutti nel 2000. Hanno ormai una settantina d’anni, si apprestano a invecchiare immerse nel calore che danno loro i propri cari. C’è chi ha figli e nipoti o addirittura bisnipoti, chi è sempre in viaggio per lavoro e s’innamora di un attore “bloccato” in una Berlino ancora divisa che vedrà la libertà solo nell’89, chi non si arrende al tempo che passa e purtroppo soccombe, e chi addirittura si fa arrestare per aver creduto nei propri ideali. Se Henny, Käthe, Ida e Lina sono ormai anziane, il loro vecchio legame sembra ricrearsi tra Florentine (la figlia di Ida), Katja (figlia di Marike e nipote di Henny) e Ruth (la figlia adottiva di Käthe). Sono le ragazze delle nuove generazioni, ma c’è qualcosa di invisibile e impalpabile che le avvolge, il legame delle loro nonne e madri che dura nel tempo.

«Restiamo sempre unite, qualunque cosa succeda», dissero in coro Florentine e Katja. La loro amicizia viveva.

Da sfondo alle loro vicende fanno i grandi eventi degli ultimi trent’anni del Novecento: la Guerra del Vietnam, la Germania divisa, il terrorismo di estrema sinistra, la scoperta dell’Aids, il crollo del muro di Berlino e tanto altro. Arriva il telefono senza fili, diventa possibile analizzare il DNA (Florentine non sapeva se il figlio fosse di Alex o Robert), ci sono sviluppi in campo tecnologico anche nella medicina e nelle radio, e nuovi generi musicali sostituiscono i vecchi: se Else, la madre di Henny, ascoltava le vecchie canzoncine tedesche, adesso le ragazzine si chiudono in cameretta con i Backstreet Boys ad alto volume.
Moltissime cose cambieranno e molte saranno le perdite per i nostri personaggi. Sono quasi tutti ormai anziani e il tempo non è mai clemente. Viene da pensare, però, che tutti loro lasceranno qualcosa nelle generazioni successive, un sentimento che non andrà perso mai, ognuno di loro rivive in diversi modi in chi verrà dopo: Konstantin che decide di diventare medico come sua madre Marike e come il nonno Theo, Florentine che, chiusa la carriera di modella, apre una pensioncina per artisti come tantissimi anni prima aveva fatto la vecchia Guste.

Amburgo

Anche in questo ultimo volume della saga della Korn assistiamo alle vicende dei personaggi di volta in volta da un punto di vista diverso, e questo ci dà l’idea di seguirli tutti contemporaneamente. Adesso, di certo, mancheranno molto a tutti i lettori. Questa saga, che ci ha raccontato non solo la storia di quattro famiglie ma anche quella della Germania lungo tutto il Novecento, è stata davvero coinvolgente e ve la consiglio molto se cercate qualcosa che vi tenga incollati alle pagine e vi faccia dimenticare del tempo che passa.

Buona lettura!

Titolo: Aria di novità
Autore: Carmen Korn
Traduttore: Manuela Francescon
Genere: Romanzo
Data di pubblicazione: 2 marzo 2020
Pagine: 528
Prezzo: 20 €
Editore: Fazi

Company Parade (Lo specchio nel buio, vol. 1) | Margaret Storm Jameson

Una giovane donna arriva a Londra
nel mese immediatamente successivo all’armistizio.
È inesperta, povera, ambiziosa e sfiduciata.
Quella che segue è la sua storia.

 

Margaret Storm Jameson, autrice che non conoscevo, è stata la donna dei primati: è stata la prima donna a laurearsi in inglese all’università di Leeds, la prima donna a ricevere una borsa di studio per una tesi post-laurea a Leeds, e la prima donna a presiedere l’English PEN. È stata una che si è saputa fare strada quando non era ancora usuale che una donna raggiungesse determinati traguardi. Anche a lei toccò, come ad altre che l’hanno preceduta, pubblicare i suoi primi lavori con uno pseudonimo maschile; lei era nata nel 1891 a Whitby, a quell’epoca non era solito che una donna ragazza di essere un genio o che addirittura arrivasse a pubblicare romanzi (e lo sappiamo che per tanto tempo i romanzi sono stati non solo appannaggio degli uomini, ma anche un genere letterario considerato basso perché di intrattenimento). Nell’introduzione a Company Parade – il primo volume della trilogia de Lo specchio nel buio pubblicato da Fazi il 3 ottobre – Nadia Terranova la definisce “Margaret la geniale” e lo fa a buon diritto, dato che fu una donna quasi rivoluzionaria per quegli anni.

Hervey Russel, la protagonista del suo romanzo, la ricorda molto: è una donna che vuole sfondare, vuole realizzarsi e solo con le sue forze. A 24 anni lascia il marito a casa, affida il figlio di tre anni a una persona che può prendersene cura e dalla provincia si trasferisce a Londra in cerca di un lavoro. Inizia a scrivere per la pubblicità, ma senza grossi risultati, dato che la sua vera passione è la letteratura. Non vede l’ora di tornare nella sua stanza per mettere mano al romanzo che sta scrivendo e che spera venderà. Il marito Penn è un ufficiale di terra dell’Air Force, la tradisce e lei stessa non è sicura di amarlo e di esserne mai stata innamorata; mentre a Londra ci sono due suoi vecchissimi amici, Philip e T. S. che sono due ex soldati (amici di David Renn, l’uomo con cui Hervey lavora) che vorrebbero fondare un giornale. La ragazza si ritrova totalmente immersa nella scena culturale londinese del 1918 dove però si sente ancora molto forte la fine della guerra, è un momento di fervore in cui tutti – nessuno escluso – stanno cercando di ricostruire la loro vita e di fare qualcosa di nuovo.

Nella prefazione la stessa Storm Jameson spiega che, come indica il titolo, in questo romanzo c’è una parata di personaggi, ognuno dei quali ha un suo ruolo e deve fare la sua apparizione, fosse anche per una volta sola, e tutto per dare l’illusione della contemporaneità.
Nonostante sia stato pubblicato per la prima volta nel 1934, oggi, nel 2019, appare molto attuale, al centro c’è la donna che cerca di affermarsi da sola, cerca di ottenere la sua emancipazione per non vivere all’ombra e alle dipendenze del marito, che poi, nel caso di Penn, quello di Hervey, è svogliato e poco intraprendente (è la madre a consigliargli di prendersi una seconda laurea, perché non riesce a capire bene cosa voglia fare). La nostra protagonista decide che per uscire dalla mediocrità di una vita noiosa a casa deve tuffarsi nel mondo che davvero la attira, quello intellettuale, culturale. Solo che, come tutte le donne, lo sappiamo, ci si lancia portandosi dietro tutti suoi turbamenti e le sue insicurezze.
Ma accanto a Hervey ci sono altri personaggi femminili che spiccano nel romanzo e che sembrano lontani anni luce dagli uomini ancora turbati dall’esperienza della guerra. C’è Evelyn Lamb, la moglie di T. S., che è un’autorità nel panorama editoriale; o anche Delia che ha avuto il coraggio di abbandonare il marito violento.

Dichiaratamente femminista, Margaret Storm Jameson ha scritto una storia femminista per l’epoca, sicuramente non immaginando che oggi il problema del lavoro per le donne (da conciliare con la famiglia) sarebbe stato ancora così grande. Dobbiamo ancora combattere per avere riconoscimenti e diritti che dovrebbero essere alla base della società odierna e che purtroppo invece sono stati conquistati solo a parole e non nei fatti.
Forse leggere Company Parade può darci un po’ di forza in più.

Titolo: Company Parade
Autore: Margaret Storm James
Traduttore: Velia Februari
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 3 ottobre 2019
Pagine: 404
Prezzo: 18 €
Editore: Fazi


Margaret Storm Jameson – Nata in una famiglia di costruttori di navi, è stata una giornalista e scrittrice inglese. Nel 1919, a Londra, lavorò per un anno come copywriter per una grande agenzia pubblicitaria. Tra il 1923 e il 1925 è stata la rappresentante in Inghilterra dell’editore americano Alfred A. Knopf. Suffraggetta e femminista, nel 1939 è diventata la prima donna presidente della British section of International pen. Liberale e antinazista, ha scritto l’introduzione all’edizione inglese del Diario di Anna Frank nel 1952. Nel 1952 venne insignita del ruolo di delegata delll’Unesco Congress of the Arts. È stata un’autrice molto prolifica, tra romanzi, racconti, saggi letterari e critici, e un’autobiografia in due volumi.