“Neve, cane, piede” di Claudio Morandini

Curioso, si dice l’uomo quando si scopre abbandonato.
A lui la solitudine piace – di più, gli è vitale, 
e non ci sarebbe nemmeno bisogno di dirlo.
Ma a quel bastardo si è legato, 
e quando quello va via sente morirgli qualcosa dentro.

 

Cop_NEVE_CANE1Avete mai sentito parlare del premio letterario “Procida – Isola di Arturo – Elsa Morante”? È un premio dedicato alla grande autrice, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Procida con il patronato del Presidente della Repubblica e della Regione Campania. Per quanto riguarda la “sezione Narrativa”, lo scorso 2 luglio sono stati comunicati dalla giuria tecnica i tre libri (e i relativi autori) che hanno raggiunto la finale: Il grande animale (Nottetempo, 2016) di Gabriele Di Fronzo, Il cinghiale che uccise Liberty Valance (Minimum fax, 2016) di Giordano Meacci e Neve, cane, piede (Exòrma, 2015) di Claudio Morandini. E il vincitore verrà decretato il 24 settembre. Il primo non l’ho ancora letto, il secondo, vi giuro, ci ho provato ma non sono riuscita ad andare oltre il trenta per cento e il terzo l’ho praticamente divorato, quindi ve ne parlo oggi.

Protagonista della nostra storia è Adelmo Farandola, un uomo avanti negli anni, burbero e un po’ fuori di testa che vive in una baita sulle Alpi, isolato da tutto e da tutti. Un giorno incontra un cane che sembra voler stare con lui e se in un primo momento cerca di proteggere la sua solitudine, poi lo accoglie in casa e i due diventano praticamente inseparabili. La vita scorre più o meno tranquilla, a parte un guardiacaccia che sembra volerli infastidire abbastanza spesso, fino a quando un giorno Adelmo e il suo cane vedono un piede che sbuca fuori dalla neve e non sanno che fare: l’animale (con cui Adelmo ha frequenti e grotteschi scambi di battute) gli consiglia di chiamare qualcuno per denunciarne il ritrovamento, ma il padrone lo copre per nasconderlo, lo sposta di qua e di là per poi decidere di dirlo alla signora che gestisce l’unico negozio del luogo senza concludere poi tanto. Ma di chi è quel piede? O meglio, chi è il cadavere a cui appartiene il piede? Chi lo ha ucciso? E perché?

Morandini fa sì che noi lettori ci immedesimiamo molto facilmente in Adelmo ed entriamo nella sua mente: né noi né il protagonista riusciamo più a distinguere la realtà dall’immaginazione. Il cadavere è di quel guardiacaccia così fastidioso e ficcanaso? Forse sì, forse no. L’ha ucciso Adelmo? Forse, ma chi se lo ricorda? E il cane? Parla davvero (e così tanto)? Ma com’è possibile? Neve, cane, piede è la storia di un uomo che ha scelto di isolarsi in una baita di montagna rompendo i ponti perfino con suo fratello, di un uomo che vuole stare da solo e ha difficoltà perfino a reggere una semplice conversazione con la donna del negozio dove va a fare provviste. Adelmo è una sorta di eremita che non vuole avere a che fare col mondo e con il quale il mondo stesso non vuole avere niente a che fare, solo il guardiacaccia si preoccupa che possa avere un arma e combinare qualche guaio.

L’autore, in una nota finale intitolata Storia di questa storia, ci spiega proprio da cosa è nato il suo libro. Morandini dice di aver incontrato davvero un uomo simile al suo Adelmo, un signore, con un cane sporco accanto, che appena lo ha visto stanco su un sentiero ha cominciato a tirargli addosso pigne e sassi per poi lasciarlo passare osservandolo ma senza dirgli una parola.

Mentre mi allontanavo, mi chiedevo: ma come vive questo? Come arriva alla fine della giornata, in questo valloncello senza neppure un torrente, sdegnato perfino da uccelli e marmotte? Conoscerà valichi nascosti, passerà da una conca all’altra, caccerà bestie con le nude mani, ne imiterà perfettamente i versi, si sentirà uno di loro? E come passa l’inverno, quando quassù c’è solo neve, neve, neve?

Da queste domande è nato Neve, cane, piede, romanzo del 2015 di Claudio Morandini, edito da Exòrma, che ha concorso anche per il premio letterario Città di Lugnano, che però è stato vinto poi da Anna Luisa Pignatelli col suo Ruggine, di cui ho parlato tempo fa e la cui protagonista (Gina, la vecchietta burbera e sola) ha diversi punti in comune con Adelmo Farandola.
Il romanzo di cui vi ho parlato oggi è una lettura parecchio piacevole che consiglio vivamente e poi a me le storie di questi personaggi solitari piacciono molto.
Buona lettura!

Titolo: Neve, cane, piede
Autore: Claudio Morandini
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 2015
Pagine: 144
Prezzo: 13 €
Editore: Exòrma

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasmezza


Claudio Morandini, «uno dei romanzieri più competenti e spiazzanti nel nostro panorama letterario» secondo la rivista «Pulp», è nato ad Aosta nel 1960. Ha pubblicato diversi romanzi, tra cui Le larve (2008), Rapsodia su un solo tema (2010), A gran giornate (2012). A proposito di quest’ultimo, Paolo Morelli ha scritto su «Il Manifesto»: «Bisogna scovare negli anfratti i libri che affermano il potere conoscitivo della fantasia, libri innamorati che portano con sé le parole del mondo e ne propongono una lettura. Ogni volta è una contentezza trovarli, come nel caso di Claudio Morandini». Suoi racconti sono apparsi in antologie e riviste o sono disponibili in rete. Collabora con il blog Letteratitudine e con le riviste online «Fuori Asse», «Diacritica» e «Zibaldoni e altre meraviglie». Il suo sito è http://claudiomorandini.com.

Advertisements

Un pensiero su ““Neve, cane, piede” di Claudio Morandini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...