“Gli anni della leggerezza” (La saga dei Cazalet vol. 1) di Elizabeth Jane Howard

«Di certo non volere la guerra è un desiderio giusto.
E allora, se le preghiere funzionano,
perché Dio permette che ci siano le guerre?»

 

anni-leggerezza_cazalet1-light-673x1024Negli ultimi tempi i miei ritmi di lettura hanno subito un notevole rallentamento e lo potete vedere anche dalla distanza che passa su questo blog tra un post e l’altro. Non è tanto l’estate – anche se devo confessare che tra mare e sole mi sento abbastanza stanca – quanto il fatto che per ora ci sono le olimpiadi e non riesco a stare più di tanto senza guardare incontri e gare alla tv. Sì, sono anche una grande appassionata di sport. Poi in questi giorni ho un’ospite in casa e quindi mi metto a fare altro (mi sono data alla decorazione di barattoli di vetro, sto imparando a dipingerci sopra coi colori adatti), ma non è finita qui: mi sono impegnata nella lettura di alcuni libri che… No, non ve lo dico perché mantengo il silenzio stampa, ma ve ne parlerò.
Ad ogni modo, pur non amando le saghe, perché non mi piace attaccarmi troppo ad uno stesso autore e stare lì ad aspettare con trepidazione che esca il nuovo volume, mi sono lanciata alla scoperta di una storia familiare inglese che mi ha preso molto: sto parlando della famiglia Cazalet, creata da Elizabeth Jane Howard e suddivisa in (credo) cinque volumi di cui due sono già stati pubblicati in Italia da Fazi e il terzo sta per uscire i primi di settembre.

In quello che ho letto io, Gli anni della leggerezza, c’è quella che potremmo definire l’introduzione di tutta la saga. La Howard, autrice britannica scomparsa due anni fa che non conoscevo ma di cui mi sono innamorata già da subito – consideriamolo un colpo di fulmine, ma per me è molto facile con gli inglesi – ci racconta la storia dei Cazalet, una tipica famiglia benestante inglese, numerosa ma quanto basta, servitù compresa, nel periodo tra il 1937 e il ’38. È importante tenere sempre a portata di mano l’albero genealogico che si trova nelle prime pagine, perché specialmente all’inizio ci si può perdere in questo marasma di nonni, figli, nipotini, bambinaie, cuoche, aiuto cuoche e personaggi vari con cui ancora non abbiamo grande familiarità. Non so se avete mai visto la serie britannica Downton Abbey, ma se la conoscete, ecco, questo libro me la ricorda molto.

albero genealogico

I Cazalet sono proprietari di un’industria di legnami che rende molto bene, ma della famiglia vi lavorano solo William (il padre) e i due figli maggiori (Hugh ed Edward). Rachel è nubile e Rupert, invece, è un artista, uno spirito più libero. In questa famiglia, apparentemente unita e forte, ci sono tanti segreti e tanti non detti, come ad esempio l’omosessualità di Rachel, innamorata, in maniera però molto casta, della sua migliore amica Sid, mezza ebrea; le varie scappatelle di Edward alle spalle della moglie Viola; le strane attenzioni dello stesso Edward per la figlia maggiore Louise nel pieno dell’adolescenza; l’amore mai dimenticato di Rupert per la prima moglie Isobel, morta dando alla luce il loro secondo figlio; gli strani comportamenti di Zoe, la seconda moglie di Rupert, frivola e parecchio confusa su ciò che vuole davvero. Per non parlare dell’universo dei bambini, l’ultima generazione Cazalet, divisi tra i più grandi e i più piccoli, con le loro gioie e i loro dolori.

Storicamente, lo abbiamo detto, siamo nel periodo tra il ’37 e il ’38, e i nostri personaggi si trovano quasi a ridosso della Seconda Guerra Mondiale. Le notizie arrivano loro tramite la radio o le loro conoscenze, ma noi ci sentiamo quasi nel loro salotto mentre discutono o fuori, tra gli alberi, quando Rachel confessa le sue paure a Sid e Polly, nascosta su un ramo, sente quel che ai bambini gli adulti preferiscono non dire. È un periodo in cui l’Inghilterra non sa se verrà coinvolta in questa guerra, in cui Hitler viene visto come un povero pazzo che sta cercando di combinare danni in Europa. I Cazalet hanno paura di una nuova guerra (già Hugh, anni prima, ha perso una mano) e dei bombardamenti, così li troviamo tutti impegnati a procurarsi le maschere antigas.
Elizabeth Jane Howard, con la sua scrittura elegante, contrappone i discorsi seri degli adulti a quelli spesso più frivoli dei ragazzini e dei bambini, alcuni dei quali stanno crescendo e cominciano a capire come va la vita. Nello specifico Polly, la figlia maggiore di Hugh, che nello stesso tempo è molto informata su quello che succede nel mondo ma che si preoccupa principalmente di trovare una maschera antigas piccola che vada bene per il suo gatto.
La storia si conclude con la notizia che Chamberlain ha comunicato che l’Inghilterra non sta per entrare in guerra, e siamo alla fine dell’estate del 1938.

La Duchessa apparteneva a un sesso e a una generazione la cui opinione non era richiesta se non per malattie infantili e faccende casalinghe, ma questo non voleva dire che non avesse preoccupazioni più serie: semplicemente, queste facevano parte del vasto repertorio di argomenti di cui non si parlava e men che meno si discuteva tra donne, e non perché, come nel caso delle funzioni corporee, fosse sconveniente, ma perché era del tutto inutile che le donne s’interrogassero sulla politica e sulle vicende del genere umano. Le donne sapevano che il mondo era governato dagli uomini, che il potere lo avevano loro e che, dal potere corrotti, alla minima provocazione mettevano mano alle armi per averne di più, mentre le donne erano costrette a patire le peggiori ingiustizie.

La saga dei Cazalet è quindi inserita in una cornice storia molto chiara ma parla anche di rapporti di coppia, vita familiare, legami tra genitori e figli o tra matrigne e figliastri, di ricchezza e povertà e di tanto altro. La Howard ci fa vivere un pezzo di storia europea e mondiale attraverso gli occhi di una grande famiglia inglese, dandoci la possibilità di adottare tantissimi punti di vista, tutti diversi tra loro per l’età e il sesso dei personaggi. È una storia a cui ci si appassiona facilmente e io, per quanto mi riguarda, non vedo l’ora di recuperare il secondo volume in attesa poi del terzo (anche se mi piacerebbe leggere tutto di questa autrice). Se amate le saghe, ma anche se non le amate, vi consiglio vivamente questo romanzo. Buona lettura!

Titolo: Gli anni della leggerezza
Autore: Elizabeth Jane Howard
Traduttore: Manuela Francescon
Genere:
 Romanzo
Anno di pubblicazione:
 1990 (2015 questa edizione)
Pagine: 606
Prezzo: 18,50 €
Editore: Fazi

Giudizio personale: spienaspienaspienaspienasmezza


Elizabeth Jane Howard – Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie subite dal padre. Donna bellissima e inquieta, ha vissuto al centro della vita culturale londinese della seconda metà del Novecento e ha avuto una vita privata burrascosa, costellata di una schiera di amanti e mariti, fra i quali lo scrittore Kingsley Amis. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente Howard ha ricevuto il plauso della critica. Scrittrice prolifica, è autrice di quindici romanzi. La saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo, con un milione di copie vendute. Nel 2014 Fazi Editore ha pubblicato il suo romanzo Il lungo sguardo. Di prossima pubblicazione anche i cinque volumi della saga dei Cazalet.

Annunci

2 pensieri su ““Gli anni della leggerezza” (La saga dei Cazalet vol. 1) di Elizabeth Jane Howard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...